EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Militanti di Ultima Generazione tingono la Fontana di Trevi di nero

Un'immagine dell'azione di Ultima Generazione alla Fontana di Trevi a Roma
Un'immagine dell'azione di Ultima Generazione alla Fontana di Trevi a Roma Diritti d'autore Mauro Scrobogna/LaPresse
Diritti d'autore Mauro Scrobogna/LaPresse
Di Andrea Barolini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un gruppo di attivisti del gruppo Ultima Generazione ha versato liquido nero a base di carbone vegetale nella Fontana di Trevi, a Roma

PUBBLICITÀ

Un gruppo di militanti dell'associazione ambientalista Ultima Generazione ha versato liquido nero, a base di carbone vegetale, nella Fontana di Trevi, a Roma. Gli attivisti hanno esposto al contempo uno striscione che recitava "Non paghiamo il fossile": una campagna attraverso la quale si chiede di bloccare gli investimenti pubblici e privati nello sfruttamento di carbone, petrolio e gas, ovvero i combustibili che maggiormente sono responsabili delle emissioni di gas ad effetto serra e dei conseguenti cambiamenti climatici

Il sindaco Gualtieri: "Giusto protestare per il clima, ma non così"

Nel corso dell'azione, i militanti hanno anche sottolineato il legame tra il riscaldamento globale e quanto accaduto di recente in Emilia Romagna. La scienza, d'altra parte, ha a più riprese sottolineato come l'aumento della temperatura media globale provocherà un aumento della frequenza e dell'intensità degli eventi meteorologi estremi

La scelta di colpire nuovamente un monumento storico, tuttavia, ha suscitato nuovamente polemiche. Il sindaco della Capitale, Roberto Gualtieri, ha ad esempio reagito duramente: "Basta con queste assurde aggressioni al nostro patrimonio artistico - ha affermato -. Ora noi la dovremo svuotare, si butteranno via 300mila litri d'acqua, che è la capienza della fontana".

"In Italia una casa su quattro è a rischio alluvione"

Secondo il primo cittadino, queste forme di proteste "costringono tante persone, distraendole da altro lavoro, a venire qua, passare ore, sprecare acqua ed elettricità, sottoporre a stress i monumenti. È una cosa sbagliata. È giusto battersi per il clima, ma questo non è il modo giusto".

 "La tragedia orribile vissuta in questi giorni in Emilia Romagna - ha affermato invece un attivista nel corso dell'azione alla Fontana di Trevi - èun'avvisaglia del futuro nero che attende l'umanità, fatto di siccità alternata ad alluvioni sempre più frequenti e violente. Secondo la Banca d'Italia, per di più, una casa su quattro è a rischio alluvionein Italia, con danni stimabili in 3 miliardi ogni anno".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Ultima Generazione" colora di arancione la Maratona di Berlino. Polemiche in Germania

Roma: scavi fino a 85 metri per il prolungamento della metropolitana C

49 dipendenti dei Musei contro il Vaticano per le condizioni di lavoro