EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"La controffensiva è rinviata a data da destinarsi". È la verità o una tattica di Zelensky?

Verso la controffensiva. (Dintorni di Kiev, 8 maggio 2023).
Verso la controffensiva. (Dintorni di Kiev, 8 maggio 2023). Diritti d'autore Andrew Kravchenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Andrew Kravchenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Cristiano TassinariEuronews Digital
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"In realtà, la controffensiva ucraina è già cominciata", spiega un analista. "Non è quel momento in cui tutti i carri armati avanzano insieme: la controffensiva è un processo a lungo termine". Ma per alcuni esperti, quello di Zelensky è un bluff...

PUBBLICITÀ

La vera controffensiva delle truppe ucraine è rinviata a data da destinarsi.
Secondo il presidente Volodymyr Zelenskyy, "è necessario ancora un po' di tempo", perché la consegna di attrezzature e armi dagli alleati occidentali sta ancora continuando.

"Entrambe le parti sembrano a corto di munizioni"

Spiega Simon Schlegel, analista senior sull'Ucraina, gruppo di crisi internazionale: 
"In questa situazione non si hanno mai abbastanza armi. In poche parole, è sempre meglio averne di più, soprattutto le munizioni. Entrambe le parti in guerra sembrano a corto di munizioni. Ed è possibile che le munizioni siano al momento il collo di bottiglia che Zelensky vuole allargare, prima di rischiare la vita dei suoi soldati".¨

Euronews
"Zelensky vuole più munizioni, prima di rischiare la vita dei suoi soldati".Euronews

Lo stesso Zelensky ha sottolineato che il successo dell'operazione e dell'intera guerra sarà facilitato da qualunque aiuto militare possa essere fornito dagli alleati.

"Anche le sanzioni sono un'arma"

"Quando l'Ucraina vuole armi, non stiamo parlando solo di munizioni. Stiamo parlando di pacchetti di sanzioni vere, serie e potenti. Perché anche le sanzioni sono un'arma. Perché le sanzioni hanno colpito l'economia russa.
Anche se le sanzioni possono essere aggirate, la produzione di armi nella Federazione Russa è rallentata. E questo è un dato di fatto".
Volodymyr Zelensky
45 anni, presidente dell'Ucraina dal 2019

Allo stesso tempo, gli analisti occidentali non escludono che la dichiarazione di Zelensky voglia far falsamente credere a Mosca una controffensiva ritardata. Dunque, si tratta di una tattica?

Screenshot
Volodymyr Zelensky.Screenshot

"Gli ucraini stanno riflettendo su quale campo di battaglia trascinare le truppe russe"

Prova a spiegare Neil Melvin, Direttore degli studi sulla sicurezza internazionale presso il Royal United Services Institute (RUSI)
"Innanzitutto, dobbiamo capire cosa si intende esattamente per controffensiva intendo. Spesso esiste l'immagine di un momento preciso in cui tutti i carri armati avanzano insieme... Ma, in realtà, la controffensiva è un processo a lungo termine. E direi che, in effetti, la controffensiva dell'Ucraina è già iniziata. Quello che stanno cercando di fare è modellare il campo di battaglia e decidere dove trascinare le forze russe, in direzioni diverse. Gli ucraini stanno cercando di trovare lacune nell'esercito russo, stanno studiando, se possiamo dire così. E stanno già spostando le truppe".

Euronews
"La controffensiva è un processo a lungo termine".Euronews

Recentemente, il Regno Unito ha dichiarato che invierà all'Ucraina missili tattici con una gittata di diverse centinaia di chilometri: le armi a più lunga gittata che Londra abbia mai fornito a Kiev.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky a Roma. L'appello al Papa: "Non trattare i russi come pari"

L'Ucraina avanza a Bakhmut, Zelensky è a Roma: incontri con Mattarella, Meloni e Papa Francesco

Ucraina: controffensiva in atto, russi in difficoltà a Bakhmut; Zelensky vola a Roma