EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Leader palestinese muore per sciopero della fame in un carcere israeliano. Gaza lancia tre razzi

Image
Image Diritti d'autore MOHAMMED ABED/AFP
Diritti d'autore MOHAMMED ABED/AFP
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Khader Adnan, 45 anni, era uno dei portavoci del gruppo radicale palestinese Jihad islamico, attivo nella Striscia di Gaza, e digiunava dal suo arresto, 86 giorni fa. Nessun danno in seguito al lancio dei razzi da Gaza.

PUBBLICITÀ

Rabbia e dolore a Gaza dopo la morte del leader della Jihad Khader Adnan. Esponente di spicco del gruppo radicale palestinese, è morto in una prigione israeliana dopo 86 giorni di sciopero della fame, che aveva cominciato in risposta al suo arresto a febbraio in Cisgiordania. 

Dopo l’annuncio della sua morte, centinaia di palestinesi hanno invaso le strade della città chiudendo tutti i negozi in segno di lutto. La tensione è altissima nei territori ma la vedova di Adnan invita alla calma. "Non vogliamo spargimento di sangue. Non cerchiamo ritorsioni per il martirio dello sceicco. Non vogliamo che nessuno lanci razzi contro Gaza. Lo sceicco ha ottenuto quello che desiderava". 

In risposta alla notizia della morte di Adnan, martedì mattina sono stati lanciati tre razzi contro Israele da Gaza (dove il Jihad islamico è attivo). L'esercito israeliano ha riferito che sono "caduti in aree aperte" e non hanno provocato danni. 

In un comunicato, il Jihad Islamico ha detto che "l'eroe libero, Khader Adnan, è morto come martire in un crimine commesso dal nemico di fronte al mondo. La sua morte sarà una lezione per generazioni, e non ci fermeremo finché la Palestina rimarrà sotto occupazione". Il gruppo militare e politico, considerato un'organizzazione terroristica da Israele, Stati Uniti e Unione Europea, ha avvertito che Israele "pagherà il prezzo di questo crimine" e ha indetto uno sciopero generale in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza

Hamas, il gruppo radicale palestinese che controlla la Striscia, ha fatto sapere che "il popolo palestinese non lascerà che questo crimine passi sotto silenzio, e risponderà adeguatamente".

Il capo del gruppo di difesa Palestinian prisoners' club, Qaddura Faris, ha dichiarato che Adnan è il "primo palestinese a morire a causa del suo sciopero della fame" durante la custodia israeliana. Ma altri detenuti palestinesi sono morti "a causa dei tentativi di alimentazione forzata", ha detto Faris.

Chi era Khader Adnan

Khader Adnan aveva 45 anni ed era ritenuto da tempo uno dei portavoce del Jihad Islamico. Per la sua attività, Adnan era stato arrestato moltissime volte negli ultimi anni, ed era in prigione almeno per la decima volta. In più di un’occasione, per protestare contro il suo arresto e contro le condizioni di detenzione delle persone palestinesi, aveva compiuto scioperi della fame che lo avevano reso piuttosto noto.

Il 45enne era stato arrestato a febbraio nel corso di un'operazione dell'esercito israeliano nel nord della Cisgiordania, dove viveva. Era detenuto in regime di "detenzione amministrativa", una controversa misura israeliana che consente alle autorità di trattenere i detenuti a tempo indeterminato per motivi di sicurezza, poiché prevede la detenzione sulla base di prove segrete senza l'obbligo di incriminare i detenuti o di sottoporli a un processo.

Le autorità israeliane hanno dichiarato che Adnan era stato arrestato per sospetta appartenenza a un'organizzazione terroristica, sostegno al terrorismo e incitamento

Il leader palestinese aveva iniziato immediatamente lo sciopero della fame, rifiutando le visite dei medici della prigione e anche l'aiuto di medici esterni. "Rifiuta qualsiasi sostegno, rifiuta le visite mediche e si trova in una cella con condizioni di detenzione molto difficili", aveva dichiarato la settimana scorsa la moglie in un'intervista ad Afp. 

Man mano che le sue condizioni peggioravano, erano aumentati gli appelli per trasferirlo dalla clinica della prigione in cui si trovava, a un ospedale civile e meglio attrezzato. Secondo la moglie, le autorità israeliane avevano rifiutato il trasferimento. "Si sono rifiutati di trasferirlo in un ospedale civile e di permettere al suo avvocato di visitarlo", ha detto la donna ad Afp. 

Un medico del gruppo Physicians for human rights Israel aveva visitato Adnan in prigione lunedì, avvertendo del rischio di "una morte imminente" e chiedendo che venisse "trasferito con urgenza in un ospedale". Secondo il gruppo, Adnan faticava "a muoversi e a mantenere una conversazione di base", appariva "pallido, debole, esausto e pericolosamente emaciato". 

Adnan è stato trovato nella sua cella nelle prime ore di martedì, privo di sensi. È stato immediatamente portato in ospedale, ma è stato dichiarato morto poche ore dopo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cisgiordania: quattro morti in uno scontro a fuoco

Russia: resta in carcere il giornalista del Wsj Evan Gershkovich, respinto il ricorso

Gaza: Israele blocca aiuti Unrwa nel nord della Striscia, Ocasio-Cortez accusa Israele di genocidio