I paramenti reali che Carlo III indosserà all'incoronazione

I paramenti mistici indossati da Carlo III all'incoronazione del 6 maggio
I paramenti mistici indossati da Carlo III all'incoronazione del 6 maggio Diritti d'autore Victoria Jones/PA
Diritti d'autore Victoria Jones/PA
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Simili a quelli dei sacerdoti, evocano la natura divina della regalità

PUBBLICITÀ

Il 6 maggio, nell'abbazia di Westminster a Londra, re Carlo III indosserà gli stessi paramenti reali che la madre Elisabetta II portò alla sua incoronazione nel 1953.

LEGGI ANCHE:

Vesti in tessuto d'oro

Durante l'investitura, indosserà la Supertunica ricamata in seta dorata realizzata per re Giorgio V nel 1911. Pesa circa 2 kg, è in tessuto d'oro - filo di seta avvolto in sottili pezzi di metallo dorato o argento dorato - e ricamata con arabeschi stilizzati e motivi floreali.

Sopra porterà il mantello imperiale creato per re Giorgio IV nel 1821, apparso anche nelle incoronazioni dei re Giorgio V, Giorgio VI e della regina Elisabetta II. L'Imperial Mantle (o Robe Royal), dal peso di 3-4 kg, si allaccia sul petto con un fermaglio ad aquila reale. In tessuto d'oro, è impreziosito da motivi floreali e aquile imperiali. 

Victoria Jones/PA
Un dettaglio del mantello imperialeVictoria Jones/PA

Tra regalità e divinità

I paramenti sono simili a quelli indossati dai sacerdoti per evocare la natura divina della regalità. Le vesti, solitamente custodite nella Torre di Londra, "hanno un significato storico incredibile, ma sono anche significative a causa della natura sacra del loro uso nell'investitura durante la cerimonia di incoronazione", spiega Caroline de Guitaut del Royal Collection Trust.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Concerto nel parco del castello di Windsor in onore di re Carlo III

Due carrozze da sogno per l'incoronazione di Re Carlo e Camilla

Il ministro dell'Interno britannico in Italia: "Soluzioni innovative per fermare i migranti"