Ucraina, dentro la rete che deporta migliaia di bimbi in Russia

Putin e Lvova-Belova.
Putin e Lvova-Belova. Diritti d'autore AP Photo
Di Lily Radziemski
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Dati e canali open source come Telegram stanno facendo luce su una struttura operativa composta da campi di rieducazione, vie di trasporto e strategie di deportazione.

PUBBLICITÀ

Maria Lvova-Belova è diventata il volto di uno dei piani di Mosca: **la deportazione di migliaia di bambini ucraini verso la Russia,**in quella che Mosca descrive come una missione umanitaria e la Corte penale internazionale definisce "potenziali crimini di guerra".

Dati e canali open source come Telegram stanno facendo luce su Lvova-Belova e sulla struttura operativa composta da campi di rieducazione, sistemi di trasporto e strategie di deportazione. Le organizzazioni stanno lavorando per fare luce sul sistema dietro questa deportazione.

"È davvero importante capire che molte persone del governo russo sono dietro questa rete", ha affermato Artem Starosiek, CEO di Molfar, una comunità di intelligence open source ucraina che ha indagato su Lvova-Belova. La rete segue una gerarchia piramidale.

Gli ordini arriverebbero direttamente da Putin, attraverso Lvova-Belova e i capi dei territori occupati, secondo Karolina Hird, analista della Russia presso l'Istituto di studi sulla guerra. Ufficiali pubblici locali, operatori ospedalieri, giornalisti, personale universitario e militari sono stati coinvolti in denunce e testimonianze di prima mano. Altri organizzano la logistica dei trasporti, compilano documenti e rilasciano passaporti.

“Dice di aver ricevuto una profezia da un prete quando era giovane”

Maria Lvova-Belova è stata nominata Commissario per i diritti dei bambini nel 2021. "Ciò significa che è nominata dal Cremlino, nominata da Putin", ha detto Hird. La donna è nata a Penza, una città a sud-est di Mosca, nel 1984. Nei primi anni 2000 ha lavorato come insegnante di chitarra per bambini. Era determinata ad avere una grande famiglia religiosa fin dalla tenera età, secondo Tetiana Fedosiuk, redattore e analista presso il Centro internazionale per la difesa e la sicurezza.

"Sostiene di aver ricevuto una profezia da un prete, quando era giovane, dicendole che sarebbe stata la moglie di un prete", ha detto Fedosiuk. Lvova-Belova ha poi sposato Pavel Kogelman, ora prete ortodosso russo. Ha almeno dieci figli, biologici e adottati, compreso un adolescente di Mariupol di cui ha preso in custodia quest'estate, e ne ha aiutati almeno altri dieci.

"C'è stata sicuramente una tendenza nelle ultime amministrazioni a scegliere donne più giovani con bambini, con un lato molto materno, per assumere questa posizione politica", ha detto Hird. "Il suo predecessore, Anna Kuznetsova, è della stessa regione ed è della stessa fascia di età."

Proprio con Anna Kuznestova, Lvova-Belova ha co-fondato Blagovest, un'organizzazione a sostegno degli orfani. Ha lanciato diverse strutture per orfani e disabili tra cui il Louis Quarter, una ONG intitolata a Louis Armstrong che fungeva da via di mezzo tra le case statali e la vita indipendente. Ma secondo Fedosiuk, sebbene le iniziative fossero buone in teoria e potessero aver realmente beneficiato le persone, i rapporti locali hanno segnalato la corruzione in uno schema oscuro che prevedeva prestiti bancari per coprire i costi delle cure.

AP Photo
Mikhail Klimentyev/Sputnik L'ex commissario presidenziale per i diritti dei bambini Anna Kuznetsova a Mosca, 31 maggio 2019.AP Photo

"Ha incontrato e lavora a stretto contatto con i quattro capi dell'occupazione"

Il ruolo di Lvova-Belova è in parte interno, poichè è lei che si rivolge ai servizi sociali per orfani russi e madri single, secondo Hird. Sul versante internazionale, Lvova-Belova parla spesso dell'allontanamento dei bambini dall'Ucraina, inquadrato come una missione umanitaria. Alcuni bambini vengono separati dalle loro famiglie nei campi di smistamento, altri vengono spostati in massa, coinvolgendo a volte operatori sanitari e universitari.

"Lvova-Belova ha incontrato e ha lavorato a stretto contatto con i quattro capi dell'occupazione, per consultarli sui problemi dei bambini e determinare quali sono i piccoli che devono essere trasferiti in Russia", ha detto Hird. I capi dell'occupazione sono Yevgeny Balitsky, Denis Pushilin, Leonid Pasechnik e Vladimir Saldo (di Zaporizhzhia, Donetsk, Luhansk e Kherson).

Secondo Hird, Ramzan Kadyrov della Cecenia gestisce una sorta di sottoprogramma che coinvolge ragazzi adolescenti per l'educazione patriottica militare.

"Gli viene insegnato come maneggiare le armi da fuoco, viene data loro la versione russificata della storia cecena e della storia russa, e sono fondamentalmente sottoposti a una programmazione sociale molto vigorosa e all'indottrinamento", ha detto.

Gli viene insegnato come maneggiare le armi da fuoco, viene data loro la versione russificata della storia cecena e della storia russa, e sono fondamentalmente sottoposti a una programmazione sociale molto vigorosa e all'indottrinamento.
Karolina Hird
Analista della Russia presso l'Istituto di studi sulla guerra

Altri bambini vengono mandati nei campi di rieducazione. Nei territori occupati, i programmi scolastici sono stati cambiati in russo.

Un rapporto dell'Università di Yale e del programma dell'Osservatorio sui conflitti del Dipartimento di Stato americano identifica il Commissario russo per i diritti umani Tatyana Moskalkova come un attore importante nei programmi per i campi di rieducazione. Sergey Kravtsov, ministro dell'Istruzione, supervisiona i programmi di studio aggiornati nei territori occupati.

AP Photo
Almeno 1.000 bambini sono stati sequestrati da scuole e orfanotrofi nella regione di Kherson durante l'occupazione russaAP Photo

"I militari sono in parte responsabili"

La rete si estende ai "commissari locali per i diritti dei bambini, dipartimenti dell'istruzione, dipartimenti sanitari e funzionari militari nei territori occupati coinvolti nei campi di filtraggio e nelle vie di trasporto", ha spiegato Fedosiuk. Esistono diversi modi in cui i bambini vengono portati fisicamente in Russia, alcuni dei quali necessitano un coinvolgimento militare.

"La stessa Lvova-Belova ha commissionato in modo indipendente il trasporto di bambini, anche se sappiamo anche che i bambini sono arrivati in Crimea in treno", ha detto Hird. "Pensiamo che i militari siano responsabili in una certa misura del trasporto dei bambini, dell'agevolazione o della protezione del trasporto dei bambini".

Molfar suggerisce che Vasily Vasin, l'ex capo del sindacato degli autisti di autobus del Donbass, potrebbe essere il capo dei trasporti di Donetsk.

“Ci sono migliaia di persone che devono essere ritenute responsabili”

Molfar ha identificato il Republican Clinical Tuberculosis Hospital, l'ospedale Vyshnevsky, l'ospedale Novoazovsk e altri come alcuni dei luoghi in cui i bambini sono probabilmente detenuti a Donetsk.

PUBBLICITÀ

"Anche le istituzioni mediche sono coinvolte, perché è così che alcuni bambini vengono deportati dall'Ucraina. I medici russi firmano documenti per dire che hanno bisogno di cure, ed è così che vengono trasportati, [con il pretesto di] evacuazione medica", ha detto Fedosiuk .

Anche le istituzioni mediche sono coinvolte, perché è così che alcuni bambini vengono deportati dall'Ucraina. I medici russi firmano documenti per dire che hanno bisogno di cure, ed è così che vengono trasportati.
Tetiana Fedosiuk
Redattrice e analista presso il Centro internazionale per la difesa e la sicurezza

Molfar ha anche denunciato Yulia Martovalieva, giornalista di Russia Today, per aver trasferito personalmente 20 bambini da Mariupol a Donetsk. 

"Ci sono così tante persone coinvolte", spiega Fedosiuk. "Ci sono persone che si occupano dei documenti, rilasciano passaporti, si occupano della logistica dei trasporti... ci sono migliaia di persone che devono essere ritenute in parte responsabili".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Roma, conferenza bilaterale sulla ricostruzione dell'Ucraina. Presenti aziende, enti e istituzioni

Putin: "Abbiamo armi per colpire i Paesi occidentali"

Elezioni presidenziali russe, inizia il voto anticipato nelle aree remote dell'Estremo Oriente