Giornata della Terra, a Budapest 15mila ciclisti in marcia per chiedere una città a misura di bici

Image
Image Diritti d'autore PETER KOLLANYI/AP2006
Diritti d'autore PETER KOLLANYI/AP2006
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La marcia è stata organizzata da I bike Budapest per chiedere una città più sostenibile e spazi urbani pensati per un uso quotidiano della bicicletta

PUBBLICITÀ

Almeno 15mila ciclisti sono scesi in strada a Budapest in occasione della 53esima Giornata della Terra, celebrata il 22 aprile. L'intera città si è riempita di campanelli che tintinnavano e di ingranaggi che scattavano. 

La marcia di bibiclette, organizzata da I bike Budapest, è stata inaugurata dall'ambasciatrice olandese in Ungheria, Désirée Bonis. È partita da piazza degli Eroi per poi snodarsi lungo le banchine del Danubio fino all'Isola Margherita. 

I ciclisti hanno approfittato della Giornata della Terra per chiedere all'amministrazione della capitale una città più verde, con spazi urbani pensati per un uso quotidiano delle biciclette e non solo per il traffico di auto e camion.  

Le strade di Budapest, infatti, sono state progettate con un occhio di riguardo per le automobili e per decenni i ciclisti hanno avuto difficoltà a percorrerle.

Ma la mentalità è cambiata e sia l'attuale sindaco verde che il precedente, più conservatore, hanno sviluppato una rete più strutturata di piste ciclabili, venendo incontro alla crescente popolarità del mezzo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria rinuncia alla banca internazionale di investimenti fondata dai russi

Ungheria, centinaia di esperti hanno censito le aquile dei Carpazi

A Debrecen non vogliono la fabbrica cinese di batterie elettriche: rischio inquinamento dell'acqua