Centinaia di migranti soccorsi nel Mediterraneo, pressione sulle coste italiane

Foto dell'ong Sea-watch: barca in difficoltà, domenica 9 aprile 2023
Foto dell'ong Sea-watch: barca in difficoltà, domenica 9 aprile 2023 Diritti d'autore Giacomo Zorzi/Sea-Watch via AP
Diritti d'autore Giacomo Zorzi/Sea-Watch via AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Circa 600 migranti a bordo di un peschereccio in difficoltà sono stati tratti in salvo a 170 miglia a sud delle coste della Sicilia sud orientale

PUBBLICITÀ

La Guardia Costiera italiana ha soccorso un peschereccio in difficoltà con a bordo circa 600 migrantia circa 170 miglia a sud delle coste della Sicilia Sud Orientale, in acque Sar maltesi, dopo che un'altra imbarcazione con 221 persone è stata salvata al largo di Lampedusa e altre 55 persone sono state portate in salvo dalla nave Life Support.

È probabile che i migranti possano essere trasferiti in Sicilia, ma visto il numero elevato si ipotizza una divisione tra i porti di Augusta e Catania che si stanno già preparando per l'accoglienza. 

L'operazione di soccorso del peschereccio  è stata complicata dalle difficili condizioni meteorologiche.

L'imbarcazione con 221 persone a bordo è stata soccorsa dalla Guardia Costiera al largo dell'isolotto di Lampedusa, secondo quanto riferito dalla Ong di soccorso marittimo Sea Watch, il cui Seabird ha individuato l'imbarcazione sabato, così come una seconda con 55 migranti a bordo, soccorsi da Life Support.

"Con il Seabird abbiamo individuato ieri due imbarcazioni in difficoltà. Dopo che il nostro equipaggio ha lanciato la richiesta di soccorso, Emergency ha salvato le 55 persone dal gommone sovraffollato poche ore dopo", ha scritto Sea Watch sui suoi social media. 

"L'altra imbarcazione con 221 persone a bordo è stata soccorsa dalla Guardia costiera italiana al largo di Lampedusa. Siamo felici che tutte le persone siano al sicuro", ha aggiunto.

Questa settimana arriverà in aula al Senato il decreto che l'esecutivo ha approvato il 9 marzo a seguito del naufragio di un barcone al largo delle coste calabresi in cui sono morti 93 immigrati e che aumenterà le pene detentive per i membri delle mafie che gestiscono il traffico migratorio irregolare attraverso il Mediterraneo.

Finora quest'anno sono arrivati sulle coste italiane 32.769 migranti, quasi quattro volte di più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (8.432), secondo i dati del Ministero degli Interni. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mediterraneo, 400 migranti in pericolo. L'allarme della Sea Watch

In salvo i 440 migranti della Geo Barents. Sul corpo i segni di tortura. Msf: "Sono distrutti"

Migranti, record di arrivi via mare nel weekend. Al collasso l'hotspot di Lampedusa