EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Milano: in 10mila alla manifestazione per i diritti delle famiglie "arcobaleno"

MIlano, 18.3.2023.
MIlano, 18.3.2023. Diritti d'autore Twitter
Diritti d'autore Twitter
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il provvedimento del governo italiano, che per ora ha bloccato le registrazioni, limita la potestà genitoriale al solo genitore biologico, nel momento in cui una coppia dello stesso sesso registra il proprio figlio in comune

PUBBLICITÀ

Circa 10.000 persone sono scese in piazza, sabato 18 marzo a Milano, per protestare contro le misure del governo Meloni, che mirano a limitare il riconoscimento dei diritti genitoriali al solo genitore biologico nelle famiglie dello stesso sesso .

La manifestazione è stata indetta da varie organizzazioni per i diritti Lgbt+ che vedono nella decisione una "discriminazione" nei confronti delle famiglie "arcobaleno".

Tra i momenti più significativi, il flashmob al presidio per il riconoscimento delle famiglie omogenitoriali, organizzato da FamiglieArcobaleno, I Sentinelli e Cig Arcigay Milano. 
Migliaia di penne levate verso il cielo di Milano, simbolo delle firme sui registri che non possono essere più apposte.

Tra i manifestanti, anche Elly Schlein, neo segretaria del Partito Democratico, che ha definito ideologica, "crudele" e discriminatoria la "repressione burocratica" del governo sulle famiglie Lgbt+ e ha promesso di spingere affinché una nuova legge riconosca e protegga meglio i loro diritti.

"Parliamo di diritti calpestati quando sono già riconosciuti dalla nostra Costituzione. Parliamo di ragazze e ragazzi già cresciuti nelle nostre comunità, che frequentano le nostre scuole", ha dichiarato Elly Schlein.

Alessandro Bremec/LaPresse/LaPresse
Elly Schlein alla manifestazione di Milano. (18.3.2023)Alessandro Bremec/LaPresse/LaPresse

Questa settimana, il ministero dell'Interno - tramite il Prefetto di Milano, Renato Saccone - ha ordinato al Comune di Milano e al sindaco Beppe Sala di interrompere la registrazione dei bambini nati all'estero come figli di coppie dello stesso sesso.
Queste registrazioni sono un atto burocratico necessario per riconoscere una serie di diritti dei genitori, come l'autorizzazione a cure mediche o la partecipazione a gite scolastiche.

Questa misura limita la potestà genitoriale solo al genitore biologico, nel momento in cui una coppia dello stesso sesso registra i propri figli in comune. Una decisione basata su una legge del 2004 sulla procreazione medicalmente assistita, consentita solo alle coppie eterosessuali.

A luglio 2022, il sindaco di Milano, Sala, ha iniziato ad autorizzare l'iscrizione dei figli delle coppie omosessuali, considerato che esisteva a tutti gli effetti un vuoto normativo e circa 300 famiglie hanno potuto iscrivere i figli come "propri", e non solo adottati, nel registro civile.

Gli attivisti per i diritti Lgbt+ hanno denunciato il provvedimento come prova dell'omofobia e della discriminazione del governo nei confronti delle loro famiglie e dei loro figli. 
"Peggio che in Ungheria", ha dichiarato il parlamentare Pd, Alessandro Zan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Più odio e attacchi contro le persone Lgbt in Europa

Museo Lgbt a San Pietroburgo: sfida a Putin

Moda, commissariata la Giorgio Armani Operations: accuse di caporalato a opifici in Lombardia