Kosovo, Kurti: "La guerra in Ucraina ha rievocato il trauma del genocidio del 1999"

Access to the comments Commenti
Di Sergio Cantone
Kosovo, Kurti: "La guerra in Ucraina ha rievocato il trauma del genocidio del 1999"
Diritti d'autore  euronews

La guerra in Ucraina ha provocato tensioni in tutti i Balcani occidentali. La diffidenza tra serbi e kosovari albanesi è cresciuta a livelli preoccupanti. L'Unione europea è molto preoccupata per la situazione. Ne parliamo con il Primo Ministro del Kosovo, Albin Kurti.Quali sono le sue aspettative per il 18 marzo, quando ci sarà la ripresa dei colloqui con la Serbia?

Avremmo dovuto firmare l'accordo il 27 febbraio. Purtroppo il Presidente della Serbia non ha voluto. Il trattato di base proposto dai 27 Stati membri dell'Unione è una base solida per andare avanti e speriamo di raggiunge un'intesa il 18 marzo.

La Serbia chiede, ad esempio, che il Kosovo rispetti gli obblighi di creare una comunità di municipalità serbe in Kosovo. Ritiene che questa parte dell'accordo mediato da Bruxelles sia accettabile per voi?

Sono qui come Primo ministro di tutti i cittadini, a prescindere dalla loro nazionalità, identità nazionale, etnia o provenienza religiosa. Quindi, voglio soddisfare tutti i cittadini in base ai loro diritti, ai loro bisogni e alle loro richieste. Ma le soluzioni monoetniche, a causa dell'ordinamento giuridico della nostra repubblica democratica, non sono possibili.

Sì, ma questo è il motivo per cui dico che l'autodeterminazione è esclusa. Stiamo parlando di autonomia.

È per questo che parliamo di autogestione della comunità serba nell'articolo sette del Trattato fondamentale, che abbiamo approvato. E l'autogestione della comunità serba si riferisce anche al Consiglio d'Europa come organizzazione, il che significa che dobbiamo fare riferimento alla Convenzione quadro sulla protezione dei diritti delle minoranze nazionali. Penso che possiamo fare lo stesso in Kosovo, dove non cadremmo nell'etno-nazionalismo territoriale come è successo in Bosnia.

Avete avuto qualche segnale da parte dei membri del Consiglio d'Europa su un imminente via libera?

La stragrande maggioranza dei membri del Consiglio d'Europa è favorevole alla candidatura del Kosovo, e spero che ora si accelerino le procedure per arrivare al voto finale e diventare membri del Consiglio d'Europa. Per noi è molto importante, sarebbe vantaggioso per i cittadini ancor più che per il Paese, perché anche nel dialogo con il Presidente della Serbia a Bruxelles ho sempre sottolineato che la normalizzazione delle relazioni deve avere come beneficiari finali i cittadini.

Dopo l'aggressione russa all'Ucraina, abbiamo visto crescere le tensioni in questa parte d'Europa. C'è una relazione, secondo lei?

L'Ucraina è anche un fronte in cui si difendono la democrazia, la libertà e i diritti umani. Nel nostro Paese ci sono state varie conseguenze. La più immediata è che ha fatto riemergere il trauma causato dal genocidio della Serbia jugoslava di Milosevic nella primavera del 1999.

Non è stato riconosciuto come genocidio dalla Corte, se non sbaglio: la Corte ha riconosciuto i crimini di guerra, la violenza contro la popolazione, la pulizia etnica. Ma il genocidio riguardava la Bosnia.

È stato riconosciuto il genocidio a Srebrenica. Ma non penso sia successo solo a Srebrenica.

In Bosnia...

Ma io ero qui, e quello che stavamo subendo era un genocidio. Donne e bambini sono stati uccisi e bruciati indiscriminatamente. E non c'è stato ancora il processo.

I responsabili sono stati processati.

Non c'è ancora stato un processo in cui il Kosovo ha citato la Serbia per genocidio. Ma quello che abbiamo subito è stato un genocidio.

Ma questo non è il punto di vista del tribunale internazionale.

Verrà il giorno in cui anche i tribunali internazionali parleranno di questo. Purtroppo Milosevic è morto in carcere all'Aia senza sopravvivere fino al giorno in cui sarebbe stato condannato.

Ma perché collega questo episodio alla guerra in Ucraina? Crede che dietro ci sia la stessa etica morale o c'è una continuità politica?

Ci sono due elementi importanti. Il primo è che nel 2022, ogni settimana, il Cremlino parlava del Kosovo. Se non Putin, allora Medvedev o Zakharova, o Lavrov.

Non si sente protetto dalla presenza della Kosovo Force? Le truppe della Nato sono presenti in Kosovo.

Non possiamo ignorare che il nostro vicino più grande vicino non riconosce il nostro Paese, non prende le distanze da Milosevic, non prende le distanze da Putin, stanzia il 3% del suo pil per l'equipaggiamento militare e tiene pronte a combattere le sue truppe al confine. Naturalmente il Kosovo non è nella Nato, ma la Nato è in Kosovo. Ci sentiamo al sicuro. Non abbiamo paura, ma siamo molto vigili.

Si aspetta qualche risultato positivo in termini di concessioni reciproche?

Vogliamo relazioni normali. Siamo consapevoli che la piena normalizzazione delle relazioni deve avere come fulcro il riconoscimento reciproco. Non sto dicendo che il riconoscimento reciproco debba essere l'unica questione sul tavolo, sono pronto a discutere pazientemente di tutte le questioni. Non abbiamo fretta, non vogliamo una soluzione rapida a scapito della nostra sicurezza, pace e stabilità a lungo termine. Sono pronto a fare questo accordo in buona fede e con le migliori intenzioni. Ma gli attori non sono solo il Kosovo e la Serbia: c'è anche l'Unione europea, che è la cornice entro cui negoziamo e a cui vogliamo aderire.

Sì, ma Bruxelles ha bisogno di un grande guadagno politico. Si rende conto che potrebbe darglielo proprio lei?

Beh, non posso fare accordi con me stesso. Devo fare un accordo con la Serbia, con l'Unione europea. E il 27 febbraio ero pronto a firmare.