Covid: familiari dei morti al Trivulzio,vogliamo un processo

Nei prossimi giorni l'udienza sulla perizia nelle nuove indagini
Nei prossimi giorni l'udienza sulla perizia nelle nuove indagini
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 03 MAR - "Questa udienza costituisce un passaggio importante sulla strada verso un processo che possa accertare le eventuali responsabilità penali in relazione agli oltre 300 decessi avvenuti al Pio Albergo Trivulzio durante i primi mesi della pandemia". Lo scrive l'Associazione Felicita, che rappresenta familiari di anziani ospiti morti alla storica 'Baggina' milanese nei primi mesi del 2020, ricordando che per lunedì 6 marzo è fissata l'udienza nella quale verrà conferito l'incarico per la perizia per fare chiarezza nelle nuove indagini sulle morti. A dicembre, infatti, il gip milanese Marta Pollicino ha nominato un pool di otto esperti che dovrà accertare la sussistenza o meno del "nesso di causalità tra i decessi e le infezioni" Covid "riscontrate tra gli ospiti" e "il personale", tra il primo febbraio e il 30 giugno 2020, e le "eventuali inosservanze" delle misure di sicurezza. La decisione sulla perizia, con la formula dell'incidente probatorio, è arrivata dopo che l'indagine nei mesi scorsi è ripartita, perché il gip Alessandra Cecchelli a fine giugno ha respinto l'istanza di archiviazione che i pm avevano formulato per il dg Giuseppe Calicchio, indagato per omicidio e epidemia colposi e violazione delle regole sulla sicurezza, e per la struttura. All'archiviazione del fascicolo si era opposta l'associazione Felicita, coi legali Luigi Santangelo e Luca Santa Maria. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea