EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucraina e Russia, dopo un anno di guerra qual è lo stato dei loro armamenti?

Un missile
Un missile Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Gioia Salvatori, Artem Aslanian
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Kiev è troppo dipendente dagli aiuti occidentali ma allo stesso tempo le innovazioni militari di cui la Russia si fregia, non si sono viste al fronte

PUBBLICITÀ

Dopo quasi un anno di scontri in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, qual è il confronto tra le capacità militari dei due Paesi? Cifre esatte e informazioni precise sono, comprensibilmente, difficili da reperire ma sappiamo che le potenze occidentali stanno fornendo all'Ucraina alcuni armamenti pesanti. Di recente, secondo le dichiarazioni rilasciate a Bruxelles il 9 febbraio, l'Ucraina sta chiedendo a diversi partner occidentali dei jet da combattimento. Questo segue un accordo storico per la fornitura di carri armati moderni da parte di Germania, Regno Unito e Stati Uniti, mentre armi più leggere arriveranno da Francia, Polonia e altri membri della Nato in Europa.

La Russia sarà in grado di produrre e acquistare armi sufficienti per continuare la sua aggressione o anche solo per difendere i territori occupati? L'abilità militare ucraina è sufficiente per riprendere i territori occupati e annessi unilateralmente, o il compito principale oggi è la resistenza all'avanzata russa?

"L'Ucraina dipende in modo critico dalle forniture occidentali"

Secondo il commentatore militare israeliano David Gendelman la Russia non sta limitando i suoi attacchi. Al momento, la Russia è in vantaggio negli armamenti, soprattutto nell'artiglieria e nell'aviazione: l'industria militare russa consente di combattere alla capacità attuale. Il consumo russo di munizioni di artiglieria è calato significativamente rispetto al periodo primavera-estate, rallenta il ritmo russo". Tuttavia, afferma che le forze russe stanno avanzando, lentamente ma inesorabilmente. Gendelman sottolinea che l'esercito ucraino dipende in larga misura dalle forniture occidentali di armi moderne.

"L'Ucraina dipende in modo critico dalle forniture occidentali. Al momento il compito principale delle forze ucraine è la difesa. Pensare a contrattacchi significativi, al di là di quelli locali, è possibile solo se si ricevono quantità significative di armi occidentali. Che sono promesse, ma non ancora consegnate".

"Mosca cerca di ritardare la sua inevitabile sconfitta".

Nei mesi successivi all'invasione russa, il mondo ha assistito a pesanti perdite di materiale militare russo, danneggiato e abbandonato sul campo di battaglia. Il Cremlino sembrava impreparato alla realtà di un combattimento frontale su larga scala: una rapida annessione dei territori sarebbe stata pianificata da Mosca con la Rosgvardija, le truppe della Guardia Nazionale, che avrebbero dovuto garantire la sicurezza territoriale e pubblica sul terreno nelle prime settimane dell'invasione.

Ma non è andata così e l'offensiva potrebbe aver causato danni alle forze armate russe che richiederanno molto tempo per essere riparati, secondo Pavel Luzin, esperto di politica estera e di difesa russa con sede negli Stati Uniti: "È impossibile ripristinare il potenziale militare della Russia - dice - L'esercito ha raggiunto l'apice della sua forza nel 2020-2021 e non ci tornerà. Ma sta cercando di allungare la sua agonia. Prendiamo l'Isis: senza aviazione e con un minimo di armatura e artiglieria, lo Stato Islamico è riuscito a resistere a una coalizione internazionale superiore per quasi quattro anni. Ecco come Mosca sta cercando di ritardare la sua inevitabile sconfitta".

Rafforzare le forniture all'Ucraina in due aree principali: veicoli blindati e artiglieria

Neil Melvin, direttore degli studi sulla sicurezza internazionale presso il Royal United Services Institute (Rusi), suggerisce che l'Ucraina sta lentamente acquisendo il controllo della situazione, soprattutto con l'arrivo dei moderni armamenti forniti dai partner occidentali:

"La guerra è in corso dal 2014. In questo nuovo round di combattimenti (iniziato nel febbraio 2022) entrambe le parti sono già ben equipaggiate: la Russia aveva una gamma completa di capacità e l'Ucraina ne aveva alcune significative, ma mancava di armamenti chiave in alcune aree".

Nella prima fase della guerra, quando l'Ucraina è riuscita a smorzare l'assalto russo prima a Kiev e poi a ridurre gradualmente la spinta russa attraverso Donetsk, un'enorme quantità di equipaggiamento russo è stata catturata e riutilizzata. Il più grande donatore, sotto molti aspetti militari, delle forze armate ucraine è stata la Russia piuttosto che l'Occidente.

"Gli ucraini hanno preso il controllo e poi hanno riverniciato e riarmato molte delle attrezzature russe, con cui ovviamente hanno molta familiarità. Ora hanno difese aeree piuttosto buone, che quando sono entrati in guerra erano davvero molto scarse: per lo più alcuni sistemi sovietici piuttosto vecchi. Ora hanno alcuni dei più moderni sistemi occidentali, che sono stati abbastanza efficaci nell'eliminare i droni e i missili russi, anche se alcuni riescono ancora a passare".

Gli ucraini hanno preso il controllo e poi hanno riverniciato e riarmato molte delle attrezzature russe, con cui ovviamente hanno molta familiarità
Neil Melvin
Royal United Services

Come si è evoluta la situazione dall'inizio delle tensioni nel 2014?

"Quello che vediamo ora è una spinta a fornire agli ucraini moderni veicoli blindati e a fornire all'Ucraina moderne forze di artiglieria e missili. L'Ucraina ha una buona quantità di artiglieria. In realtà, una delle più grandi forze di artiglieria in Europa, costruita soprattutto a partire dal 2014".

A quattro mesi dall'inizio della guerra, dal bombardamento di Mariupol e dalle atrocità di Bucha (vicino a Kiev), gli Stati Uniti hanno annunciato la fornitura di sistemi Himars a lungo raggio per contrastare gli attacchi russi.

"Il raggio d'azione di questi sistemi è stato aumentato, in particolare con la donazione di moderni sistemi di artiglieria e obici. E più recentemente gli Stati Uniti hanno potenziato l'artiglieria con una gittata di circa 150 km modificando i noti sistemi Himars precedentemente forniti".

Con questi nuovi missili, le forze ucraine dalle loro linee attuali saranno in grado di colpire le forze russe in quasi tutta l'Ucraina occupata, non le parti meridionali e orientali della Crimea e non le parti orientali della regione di Donetsk, ma tutto il resto sarà a portata di tiro. Ma mancano ancora i missili a più lunga gittata, fino a 300 km, per i quali gli Stati Uniti negano la richiesta di fornitura, e gli ucraini non dispongono di moderni jet da combattimento standard della Nato. Usano ancora quelli dell'era sovietica, quelli russi. Si tratta ancora essenzialmente di tecnologia dell'era sovietica.

Dall'estate scorsa decine di Paesi hanno stanziato aiuti militari all'Ucraina sotto forma di sistemi d'arma moderni e sostegno finanziario

"La sfida per gli ucraini è quella di utilizzare tutto questo in modo coordinato per cercare di sfondare le linee russe in quelle che vengono chiamate operazioni di armi combinate: collegarle tutte. Questa è la sfida".

**Da parte russa anche la capacità militare si è evoluta?
**

PUBBLICITÀ

"La Russia è entrata in guerra con forze armate massicce e in gran numero. Ha perso molto equipaggiamento. Hanno perso molti uomini. Ma hanno usato l'inverno per ricostituire in qualche modo le loro forze armate". Il Cremlino ha avviato una mobilitazione di 300.000 uomini, a partire da settembre dell'anno scorso, che ora sono al loro posto. Hanno molti equipaggiamenti di epoca sovietica. Per Melvin la battagliasi riduce essenzialmente a come la Russia cercherà di usare la sua schiacciante quantità di risorse, in particolare la sua forza lavoro, per sfondare le linee ucraine senza grandi sofisticazioni.

Le innovazioni militari di cui si fregia Mosca nella guerra in Ucraina non si sono viste

Dalla sua dichiarazione di Monaco contro l'espansione della Nato nell'Europa orientale nel 2007, il Presidente Putin ha minacciato l'Occidente con innovazioni militari russe: nel 2018 abbiamo persino visto un'animazione di un nuovo missile segreto che sembra colpire il territorio statunitense. Questi nuovi sistemi all'avanguardia, tuttavia, non sono presenti nella guerra in Ucraina, nonostante ciò che è stato suggerito. Rimangono in gran parte modelli di laboratorio o tecnologie virtuali, piuttosto che implementate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Russia negozia la proroga dell'accordo sul grano: "Più garanzie per le nostre esportazioni"

"Stop alla guerra in Ucraina" ma da diverse posizioni: ecco le proteste in Europa

La Polonia consegna i primi 4 carri armati Leopard all'Ucraina