"Stop alla guerra in Ucraina" ma da diverse posizioni: ecco le proteste in Europa

Manifestazione a sostegno dell'Ucraina a Tallin, in Estonia
Manifestazione a sostegno dell'Ucraina a Tallin, in Estonia Diritti d'autore Sergei Grits/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da Berlino a Madrid sino a Parigi, Bruxelles, Ginevra e Tallin: un anno e un giorno dopo l'inizio della guerra in Ucraina ancora cortei contro il conflitto

PUBBLICITÀ

Le diverse declinazioni della protesta.
A Berlino la manifestazione contro la guerra in Ucraina ha richiamato almeno 10mila partecipanti, 50mila secondo gli organizzatori. 

L'ex leader del partito Die Linke Sahra Wagen knecht è una delle promotrici dell'evento. I manifestanti difendono anche la necessità che la Germania tagli le forniture di armi a Kiev.

Gli organizzatori sono stati criticati per aver sminuito il diritto dell'Ucraina a difendere il proprio territorio dall'aggressione russa e per non aver preso le distanze dagli estremisti politici di estrema destra e di estrema sinistra, per i quali le opinioni pro-Russia sono comuni. 

Sahra Wagenknecht del partito ex-comunista Left, ha detto durante la manifestazione che non c'era posto per i neonazisti, ma che chiunque volesse la pace "con un cuore onesto" sarebbe stato il benvenuto.

Mentre la maggior parte dei cartelli presenti alla protesta rifletteva le tradizionali posizioni di sinistra, alcuni partecipanti portavano striscioni con lo slogan "Americani andate a casa" e il logo di una rivista di estrema destra. Alcuni sventolavano bandiere russe.

Wagenknecht ha accusato il governo tedesco di cercare di "rovinare la Russia" e ha affermato che Mosca dovrebbe ricevere un'"offerta" per riprendere i colloqui di pace.

Stop al conflitto e all'intervento degli Alleati.

Anche Madrid usa quasi gli stessi slogan di Berlino. Tuttavia, nella capitale spagnola, la protesta è stata organizzata dal partito di estrema destra Vox.

Diverso il tono a Parigi.

Migliaia di persone hanno cantato l'inno nazionale ucraino a Place de la Republique, in solidarietà con Kiev. Volodymyr Kraftchenko, con la mano sul cuore, ha denunciato "coloro che hanno violato la nostra terra e i nostri diritti". Il 73enne è fuggito dal suo Paese un anno fa per rifugiarsi in Francia dopo aver cercato di arruolarsi nell'esercito del suo Paese. "Mi hanno detto che ero troppo vecchio", ha dichiarato all'AFP. In testa al corteo che si dirigeva verso Place de la Bastille, numerosi bambini ucraini, vestiti con abiti tradizionali. Nella folla dominano il giallo e il blu (i colori dell'Ucraina), sotto forma di bandiere brandite verso il cielo o avvolte intorno alle spalle dei manifestanti, cartelli o palloncini.

Londra, Ginevra e Tallin sono tra le città in cui sono state organizzate manifestazioni a favore dell'Ucraina questo sabato.

Un giorno e un anno dopo l'inizio della guerra, anche Bruxelles si è mobilitata: migliaia di persone si sono riunite per protestare contro l'invasione russa dell'Ucraina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky racconta un anno di guerra: "A Bucha il giorno più buio, abbiamo visto il male puro"

Ucraina: manifestazioni nelle città europee per i due anni dall'inizio della guerra

Ucraina, Zelensky: "Putin può perdere questa guerra"