EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La Russia negozia la proroga dell'accordo sul grano: "Più garanzie per le nostre esportazioni"

Image
Image Diritti d'autore Gideon Maundu/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Gideon Maundu/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Michela Morsa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Russia lamenta il fatto di non riuscire a esportare prodotti alimentari e fertilizzanti a causa delle sanzioni internazionali sulle transazioni bancarie, le assicurazioni e la logistica

PUBBLICITÀ

Lunedì 13 marzo è iniziato a Ginevra il round di colloqui tra i funzionari delle Nazioni unite e il viceministro degli Esteri russo per una possibile estensione dell'accordo sui cereali del Mar Nero, la cui scadenza è prevista per il 18 marzo. 

La delegazione russa, che si è incontrata con Rebeca Grynspan, segretario generale della Conferenza delle Nazioni unite per il Commercio e lo Sviluppo, e Martin Griffiths, capo dell'agenzia umanitaria dell'Onu, ha offerto di estendere l'accordo persoli due mesi dalla sua scadenza del prossimo sabato.

"Non ci opponiamo alla proroga dell'iniziativa, ma solo per 60 giorni", ha dichiarato in un comunicato il viceministro degli Esteri russo Sergey Vershinin, sostenendo che sebbene l'accordo abbia permesso esportazioni stabili di grano ucraino dall'agosto 2022, rimangono in vigore troppe restrizioni per la Russia.

L'accordo, firmato separatamente da Ucraina e Russia con le Nazioni Unite e la Turchia lo scorso 22 luglio e prorogato per 120 giorni a novembre, consente l'esportazione di grano da tre porti ucraini del Mar Nero attraverso un corridoio di navigazione sicuro e procedure di ispezione concordate per verificare che le navi da carico non trasportino armi o siano in grado di lanciare attacchi. 

L'iniziativa aveva permesso di sbloccare le spedizioni di grano dall'Ucraina, impedite dall'invasione russa, e prevenire così un aumento incontrollato dei prezzi e una crisi alimentare globale. 

Già nei giorni scorsi, la portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, aveva dichiarato che Mosca avrebbe accettato una proroga solo se fossero state abolite le restrizioni alle proprie esportazioni alimentari, ma molti diplomatici e alti funzionari, tra cui il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, sono ottimisti sul rinnovo dell'accordo. 

Le condizioni di Mosca

"Le esenzioni alle sanzioni sui prodotti alimentari e sui fertilizzanti (russi) annunciate da Washington, Bruxelles e Londra non vengono applicate", ha sostenuto Vershinin, in riferimento a un accordo parallelo che avrebbe dovuto consentire l'esportazione di cibo e fertilizzanti, esclusi dalle sanzioni internazionali imposte per l'aggressione russa all'Ucraina. 

I funzionari russi affermano che, sebbene i prodotti agricoli del Paese non siano state esplicitamente prese di mira dall'Occidente, le sanzioni sui pagamenti, sulla logistica e sulle assicurazioni hanno creato un ostacolo alla possibilità raggiungere i mercati internazionali con i propri cereali e fertilizzanti.

Le richieste di Mosca includono quindi lo sblocco dei pagamenti bancari, dei mezzi di trasporto e della logistica necessaria per esportare i suoi prodotti. 

Come parte dell'accordo, Mosca vuole anche che l'ammoniaca russa, materia prima essenziale per la produzione dei fertilizzanti, sia nuovamente trasportata attraverso il gasdotto che partendo dalla città russa di Togliatti attraversa l'Ucraina e raggiunge il Mar Nero, precisamente Odessa.

Vershinin ha descritto i colloqui come "franchi e completi" e ha sottolineato che la proroga "dipenderà da progressi tangibili nella normalizzazione delle nostre esportazioni agricole, non solo a parole, ma anche nei fatti".

Fonti dell'Onu hanno ammesso che le esportazioni russe rimangono complicate perché molte compagnie private sono riluttanti a fornire servizi o ad assicurare merci e navi, anche se è stato spiegato loro che non stanno contravvenendo alle sanzioni e che tutto rientra nella legalità internazionale.

I numeri del grano

L'Onu ha aggiornato i dati sui risultati dell'accordo nei suoi otto mesi di attività: 23 milioni di tonnellate di grano esportate, di cui il 55% è andato ai Paesi in via di sviluppo.

Questo è un altro aspetto che preoccuprebbe la Russia. Mosca sostiene infatti che non è stato rispettato l'impegno a esportare i prodotti alimentari principalmente verso i Paesi più poveri che stanno affrontando una crisi alimentare, e accusa i Paesi più ricchi di trarre vantaggio dall'accordo. 

L'iniziativa consente al 60% di tutto il grano esportato dall'Ucraina di lasciare il Paese. Il resto è trasportato via fiume con navi più piccole, che rendono le operazioni più costose.

E nonostante tutti gli sforzi, il volume delle esportazioni di grano dell'Ucraina è inferiore del 22% rispetto al periodo prebellico.

La parte ucraina

L'accordo per l'esportazione di grano "dovrebbe durare a tempo indeterminato, perché l'Ucraina è il garante della sicurezza alimentare di 400 milioni di persone nel mondo", ha dichiarato a una televisione locale Daria Zarivna, consigliere del capo dell'ufficio del presidente ucraino Volodymir Zelensky.

"Durante l'entrata in vigore dell'accordo sui cereali, l'Ucraina ha esportato circa 23 milioni di tonnellate di prodotti alimentari. In modo trasparente, chiaro e limpido, abbiamo accordi con le Nazioni Unite, con la Turchia. L'unica che, in questo caso, sta facendo tutto il possibile per impedire che questo accordo funzioni e non venga esteso, è la Russia", ha detto Zarivna. 

PUBBLICITÀ

Ha poi sottolineato che Mosca mantiene questa posizione ostruzionistica "sia con l'obiettivo di eliminare un concorrente sul mercato mondiale e indebolire l'economia ucraina, sia con l'obiettivo di creare una guerra ibrida dell'informazione".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tutte le sanzioni dell'Ue alla Russia

Ucraina, Mosca boccia la proposta di pace di Pechino

Ucraina e Russia, dopo un anno di guerra qual è lo stato dei loro armamenti?