EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Saltivka, alle porte di Kharkiv, emblema della distruzione

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore Euronews video
Diritti d'autore Euronews video
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prima della guerra, in questa zona vivevano circa 40000 persone, adesso non arrivano a 3000

PUBBLICITÀ

Ecco cosa sono diventati gli edifici residenziali, nel sobborgo settentrionale di Saltivka, a Kharkiv.

È il punto di ingresso alla città, a soli 20 chilometri dal confine con la Russia.

Questo edificio è una dura testimonianza dell'entità della distruzione vissuta qui.

Prima della guerra, in questa zona vivevano circa 40000 persone, adesso non arrivano a 3000.

Olga e sua sorella hanno trascorso tutta la loro vita a Saltivka, sin quando le loro case non sono state bombardate l'anno scorso.

Ora vivono a Kharkiv, ma spesso vengono a trovare i loro parenti.

Ogni viaggio riporta ricordi dolorosi: il marito di Olga è stato ucciso mentre faceva rifornimento ad una stazione di servizio.

"La vita era bella qui - dice Olga - ad essere sincera, non posso guardarmi in giro senza piangere.

Non ho parole, hanno distrutto tutto: ci hanno lasciato senza i nostri cari, senza i nostri genitori, senza mariti, senza figli, senza la nostra vita precedente, senza lavoro, senza niente".

Sfollate da una città all'altra, Olga e sua sorella sono determinate a tornare a Saltivka il prima possibile.

Quel giorno erano venuti a trovare il nonno, rimasto dopo i bombardamenti.

"Perdonatemi, è tutto sottosopra qui - aggiunge - entrate nella stanza: quando è stato colpito il lato dell'edificio, le tubature dell'acqua nel seminterrato sono andate in frantumi.

Venite a dare un'occhiata: qui tutto sta ammuffendo, la carta da parati si sta staccando".

Vadim Belikov/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
AP PhotoVadim Belikov/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Il nonno non è qui, Olga ci conduce dai suoi vicini.

"Non abbiamo luce - dice Svetlana - siamo stati travolti, entrate, guardate come viviamo: con le crepe, con la muffa, viviamo come vagabondi".

Svetlana è tornata dalla Polonia con sua madre per controllare la casa e raccogliere le loro cose.

"Ci trasferiremo - afferma quest'ultima - le condizioni sono impossibili, ci saranno ancor più combattimenti qui, andremo da qualche parte in un altro villaggio".

La ricostruzione è in corso, ma il compito è enorme e il futuro incerto.

PUBBLICITÀ

La quotidianità è una sfida per chi ha deciso di restare: questa scuola è stata trasformata in un centro umanitario.

"I negozi sono chiusi in questo quartiere - dice OLGA ANATOLIIVNA, direttrice del polo aiuti umanitari di Saltivka - per chi è tornato, andare a piedi in un quartiere vicino per comprare qualcosa o andare in un negozio è troppo lontano, ecco perché portiamo gli aiuti qui".

Queste donne lavoravano alla mensa scolastica, ora consegnano pasti caldi a centinaia di persone ogni giorno.

"Siamo partiti per circa sei mesi e poi siamo tornati - dice Veronika, volontaria - viviamo a casa.

Quando eravamo via, ho capito che alla prima occasione dovevo tornare qui e fare la cosa giusta, alleggerire il fardello per le persone: per questo siamo tornati, lavoriamo e aiutiamo.

PUBBLICITÀ

"Vogliamo la pace, non vogliamo nient'altro, e che tutti siano vivi e conducano la loro esistenza come prima, questa è l'unica cosa che vogliamo".

Sia gli operatori umanitari che i beneficiari qui sono irremovibili: rimarranno a Saltivka sino alla vittoria finale.

"Mio figlio è in prima linea - dice Zoya, residente - ed io lavoro come insegnante, impartisco lezioni online e rimarrò proprio qui nella mia Kharkiv e nella mia Ucraina"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Missili russi su Kharkiv. "Usati gli S-300"

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky

Ucraina: gli attacchi di Mosca nella settimana delle conferenze di ricostruzione e pace