Missili russi su Kharkiv. "Usati gli S-300"

Access to the comments Commenti
Di euronews
frame
frame   -   Diritti d'autore  Leo Correa/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.

Le truppe russe hanno nuovamente bombardato Kharkiv, la seconda città dell'Ucraina, e Zaporizhizhia, capoluogo di una delle regioni ucraine annesse dalla Russia. Almeno nove persone sono state ferite, e colpite infrastrutture critiche, diversi edifici amministrativi e un impianto industriale. Secondo fonti locali, nell'attacco a un hangar militare nell'area di Zaporizhizhia sarebbero stati impiegati missili S-300.

Intanto, mentre sul terreno continuavano a parlare le armi, da Mosca è partito un segnale di apertura al dialogo. Per il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov "Putin è stato aperto ai colloqui fin dall'inizio e il presidente lo ha ripetuto più volte... Da questo punto di vista, non è cambiato nulla. È cambiata solo la posizione di Kiev, perché la parte ucraina ha sancito di non continuare i colloqui con la Russia".

L'Ucraina teme che la Russia riapra il fronte settentrionale e attacchi dal confine bielorusso le regioni di Volyn e Rivne con l'aiuto dell'esercito di Minsk, sebbene il presidente Lukashenko neghi una tale ipotesi. Kiev, piuttosto, spera di continuare la controffensiva nel Sud e riconquistare Kherson.

Da giorni le truppe russe stanno trasferendo migliaia di civili verso zone che definiscono "sicure", in una operazione che l'Ucraina bolla come una deportazione. Infine, Mosca ha accusato l'esercito ucraino di aver ucciso 4 civili bombardando un ponte utilizzato per le evacuazioni.