Il mondo celebra il profilattico. Un'invenzione poco incentivata

Giornata mondale del profilattico
Giornata mondale del profilattico Diritti d'autore Francois Mori/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Francois Mori/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Restano le disparità in Europa sull'utilizzo della contraccezione. E sul fronte dell'educazione sessuale sono molti i passi in avanti ancora da fare

PUBBLICITÀ

Il giorno di san Valentino coincide con la Giornata mondiale del profilattico. La ricorrenza offre lo spunto alla riflessione sul metodo contraccettivo più efficace nella prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Sono forti però le disparità tra i Paesi europei nelle politiche di accesso alla contaccezione. 

Il direttore del Forum parlamentare europeo sui diritti riproduttivi Neil Datta spiega che analizzando i Paesi dell'Europa dell'Est si deve considerare che la contraccezione era una pratica poco utilizzata fino ai primi anni Novanta. In altri l'influenza della religione e lo stigma imposto sull'affettività a fini non riproduttivi è ancora ingombrante. 

Secondo i risultati l'edizione 2023 dell'Atlante delle politiche sulla contraccezione in Europa, 20 Paesi sui 41 analizzati, supportano l'uso dei contraccettivi attraverso le risorse del sistema sanitario nazionale e includono la contraccezione reversibile a lunga durata d'azione (LARC), che include i dispositivi intrauterini e gli impianti sottocutanei che risolvono il problema delle gravidanze non programmate.

Il Forum utilizza un indice per misurare l'accesso alla contraccezione nei Paesi europei. Stati come Francia, Belgio e Irlanda, stanno fornendo preservativi gratuiti. In altri questo non succede. L'Italia è fra i 25 paesi che non prevedono alcun tipo di rimborso per la contraccezione. Fino a qualche anno fa in Italia questi prodotti di fatto non potevano neanche essere oggetto di campagne pubblicitarie.

L'educazione è la via da percorrere per allontanare i rischi per la salute e i pericoli di gravidanze indesiderate. Resta il modo per colmare il vuoto lasciato dallo Stato e dalla morale. "Non solo è utile a insegnare il valore della contraccezione, ma anche il rispetto e il consenso all'interno delle relazioni, comprese quelle sessuali", ha spigato Datta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee 2024, quando e come si vota, partiti e candidati: quello che c'è da sapere

Europee, ufficialmente aperta la campagna elettorale in Italia con la presentazione dei simboli

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi