Usa-Israele, stretta di mano Netanyahu-Sullivan: l'estrema destra tace

Stretta di mano tra Jake Sullivan e Benjamin Netanyahu. (Gerusalemme, 19.1.2023)
Stretta di mano tra Jake Sullivan e Benjamin Netanyahu. (Gerusalemme, 19.1.2023) Diritti d'autore Screenshot
Di Cristiano TassinariEuronews World
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prima visita di un funzionario americano in Israele da quando Netanyahu è tornato al governo. Sulla Palestina, gli alleati di estrema destra del premier israeliano si sono sempre opposti alla soluzione dei due Stati proposta da Washington

PUBBLICITÀ

Gerusalemme, primo contatto tra l'amministrazione-Biden e il nuovo governo israeliano, guidato da Benjamin Netanyahu (73 anni).

Il Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, è stato il primo alto funzionario statunitense a visitare Israele da quando Netanyahu è tornato al governo, in coalizione con l'estrema destra.
I cui leader, per ora, tacciono.

Sulla Palestina, gli alleati del premier israeliano sono noti per la loro retorica anti-araba e per essersi sempre opposti alla soluzione dei due Stati proposta da Washington.

"Porto i saluti del presidente Biden.
Come sapete, il suo impegno nei confronti dello Stato israeliano è profondo e l'impegno dell'America per Israele è ferreo, ed è un impegno radicato nella storia, interessi e valori condivisi".
Jake Sullivan
46 anni, Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti

La visita di Sullivan si svolge sullo sfondo degli scontri tra esercito israeliano e palestinesi, con funerali quasi quotidiani delle vittime dei disordini.
Questo giovedì (19 gennaio), due palestinesi uccisi in un raid dell'esercito di Tel Aviv sono stati sepolti nel campo profughi di Jenin.
Uno di loro era un insegnante, colpito mentre cercava di aiutare un giovane che era stato ferito.

Il conflitto israelo-palestinese sembra più radicato che mai.
Qualcosa che il cittadino arabo-israeliano Mahe Younis conosce in prima persona, avendolo provato sulla propria pelle.
È tornato nella sua città natale, Wadi Ara, nel distretto di Haifa (zona di Israele abitata in maggioranza da arabi), dopo aver trascorso 40 anni in carcere per aver ucciso un soldato israeliano.

Screenshot
Ritorno a casa.Screenshot
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele risponde agli inviti alla moderazione: "Colpiremo l'Iran, al momento giusto"

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Israele, si riunisce il gabinetto di guerra per decidere la risposta all'attacco iraniano