EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Valanghe: Val Ferret ancora chiusa, convoglio nel pomeriggio

Domani distacco artificiale slavine. Off limits anche Val Veny
Domani distacco artificiale slavine. Off limits anche Val Veny
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AOSTA, 18 GEN - Restano chiuse per tutta la giornata la Val Ferret e la Val Veny, nel comune di Courmayeur, a causa del pericolo valanghe, che oggi nella zona è 4-forte sopra i 2.000 metri di quota. Nel pomeriggio, salvo imprevisti, è previsto un "convoglio speciale", alle ore 15h20, "destinato a chi, informato del rischio valanghivo connesso al transito, deve raggiungere comunque per motivi di necessità e urgenza località Planpincieux o, se già presente a Planpincieux, deve scendere a valle", fa sapere l'amministrazione comunale. L'appuntamento per la discesa è fissato alle ore 16.10 davanti al Foyer de fond. Il Comune stima che nella vallata - essendo ormai terminate le festività natalizie - siano rimasti perlopiù i titolari di alcuni locali e strutture ricettive. Ieri era stata disposta l'evacuazione della Val Ferret anche se il sindaco "può autorizzare, verificate le soggettive condizioni di rischio e le motivazioni alla base della richiesta, la permanenza in loco di un numero limitato di persone". E' prevista per domani nella vallata l'attivazione del Piano di distacco artificiale valanghe (Pidav): per tutta la durata delle operazioni la Val Ferret rimarrà chiusa. In Val Veny, Val Ferret, nelle zone di La Salle, Morgex, Val di La Thuile, Gran Bernardo e Ollomont "sono previste - si legge nel bollettino valanghe di oggi - molte valanghe asciutte spontanee di dimensioni medio-grandi. Dai bacini di alimentazione in quota le valanghe asciutte avanzeranno a livello isolato sino a fondovalle. Le valanghe possono avanzare sino a valle e minacciare a livello isolato le vie di comunicazione esposte". Nel frattempo è stato riaperto anche agli autotreni e agli autoarticolati il traforo del Gran San Bernardo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caldo estremo e forti piogge: emergenza in molti Paesi europei

Mar Rosso: attacco degli Houthi contro una portacontainer diretta in Cina

Guerra in Ucraina: sirene a Kiev e Kharkiv, morti e feriti dopo gli attacchi russi