Guerra Russia-Ucraina: Putin prega, ma la tregua non regge

Il Natale di Vladimir Putin. (Mosca, 7.1.2023)
Il Natale di Vladimir Putin. (Mosca, 7.1.2023) Diritti d'autore Mikhail Klimentyev/Sputnik
Di Cristiano TassinariEuronews World - Ansa - Agenzie internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre Putin ha celebrato il Natale ortodosso a modo suo, pregando da solo nella Cattedrale dell'Annunciazione del Cremlino, la tregua da lui proposta non ha retto. Bombardamenti e artiglieria pesante nel Donbass, soprattutto vicino a Bakhmut. Di chi è la colpa del fallito "cessate il fuoco"?

PUBBLICITÀ

Nella chiesa più sicura di tutta la Russia, la Cattedrale dell'Annunciazione, all'interno del Cremlino, a Mosca, è stato organizzato un servizio natalizio ortodosso di mezzanotte, in modo che Vladimir Putin (70 anni) potesse pregare da solo. In tutta sicurezza.

Mikhail Klimentyev/Sputnik
Il Natale di Vladimir Putin. (Mosca, 7.1.2023)Mikhail Klimentyev/Sputnik

Tuttavia, la tregua di 36 ore chiesta dal presidente russo nella guerra con l'Ucraina non ha retto.

Kiev e Mosca si rimpallano la responsabilità del fallimento del cessate il fuoco.
Secondo alcuni analisti, la proposta di Mosca mirava proprio a screditare l'Ucraina come unica responsabile del fallimento della tregua.

Le forze russe e ucraine si sono scambiate colpi di artiglieria in molte aree della prima linea: almeno 3 morti e 14 feriti ucraini negli attacchi russi, anche dopo che Mosca ha dichiarato una tregua unilaterale, respinta da Kiev. 
Particolarmente cruenta la battaglia a Soledar, a 10 km da Bakhmut.

LIBKOS/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Una casa in fiamme a Bakhmut. (6.1.2023)LIBKOS/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Nonostante la tregua che non c'è, anche gli ucraini hanno provato a celebrare degnamente il loro Natale ortodosso.

AP
Kiev, 7.1.2023AP

 Euronews racconta: il Natale ortodosso

Zelensky: sospesa la cittadinanza a 13 sacerdoti

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (44 anni) ha sospeso la cittadinanza ucraina a 13 sacerdoti della Chiesa ortodossa ucraina che fanno capo al Patriarcato di Mosca. 
Lo ha riferito l'Agenzia Unian. 

"Sono stato contento di vedere quante persone e quanti dei nostri soldati sono venuti a servire Dio nel tempio di Kiev-Pechersk Lavra. In quel luogo santo, che è una delle origini delle tradizione culturale ucraina.
È molto importante che una sincera preghiera per l'Ucraina sia stata fatta e ascoltata".
Volodymyr Zelensky
Presidente dell'Ucraina

Ucraina: sanzionati 119 personaggi russi dello spettacolo

Zelensky ha firmato, altresì, un decreto con cui ha imposto sanzioni economiche a 119 personaggi russi dello spettacolo e della televisione, accusati di aver sostenuto la guerra.
Il consigliere del presidente, Mykhailo Podolyak, li ha definiti "propagandisti di morte", colpevoli di aver "incitato direttamente o indirettamente a uccidere e rubare in Ucraina". 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuovi rifornimenti occidentali all'Ucraina, la Russia ostenta sicurezza

Dalla tregua agli annunci sulle vittime: le bugie di Mosca, secondo Zelensky

Russia: "600 soldati ucraini uccisi a Kramatorsk". Kiev smentisce: "Nessuna vittima""