EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Congresso Usa, disfatta repubblicana: Trump invita a votare McCarthy, che perde anche il sesto voto

La delusione di McCarthy, a sinistra nella foto, mentre si gratta la testa, in cerca di idee. (Washington, 4.1.2023)
La delusione di McCarthy, a sinistra nella foto, mentre si gratta la testa, in cerca di idee. (Washington, 4.1.2023) Diritti d'autore Alex Brandon/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Alex Brandon/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews - Ansa Agenzie:  Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il 57enne repubblicano Kevin McCarthy è stato bocciato per sei volte alle elezioni per diventare Speaker della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. A sbarrargli la strada, venti "ribelli" dell'ala più conservatrice del partito. A nulla è valso l'appello di Trump

PUBBLICITÀ

Una disfatta repubblicana. 

Sei bocciature e il gavel, il martelletto cerimoniale, sembra un miraggio. 
Vedremo se dopo questa seconda giornata di votazioni, il Repubblicano Kevin McCarthy (57 anni)resterà il candidato del partito di maggioranza al ruolo di Speaker della Camera al Congresso americano.
Stavolta, forse, il Grand Old Party (GOP) prenderà una decisione drastica, chissà...

A nulla è servito neppure l'appello di Donald Trump, che ha rotto il suo silenzio rivolgendosi ai venti "ribelli" dell'ala più conservatrice del Partito Repubblicano, chiedendo loro di votare per McCarthy: niente da fare.

Forse l'influenza dell'ex presidente nel partito è stata sopravvalutata. 

I venti "ribelli", tutti negazionisti della vittoria di Joe Biden, tranne due, sono rimasti uniti e si sono coalizzati intorno ad uno di loro, l'afroamericano Byron Donalds, che ha ottenuto i loro venti voti. 

Come accaduto due volte già martedì, i venti deputati "franchi tiratori" hanno negato l'appoggio a McCarthy, che si è così fermato - altre quattro volte - a 201 voti, lontano dal quorum di 218: segno ulteriore della profonda divisione esistente nelle file repubblicane (che contano in totale su 222 deputati, per cui McCarthy - ad ogni elezione - non può perderne più di quattro). 

I 212 deputati Democratici, invece, hanno votato compatti il loro candidato, l'afroamericano Hakeem Jeffries.

"Non è un bello spettacolo per il Paese".
Joe Biden
80 anni, presidente degli Stati Uniti dal gennaio 2021

È la prima volta in 100 anni che il presidente della Camera non viene eletto dalla maggioranza nella sessione inaugurale.

Ma McCarthy non molla: dice di essere disponibile a votare fino a quando sarà necessario.
O fino a quando i repubblicani non cambieranno candidato... 

Cosa fa lo Speaker della Camera?

Il ruolo di Speaker della Camera è tra dei più importanti della politica statunitense. Senza di lui, l'Assemblea non può far giurare i suoi membri, nominare i presidenti delle Commissioni o partecipare ai lavori del Congresso. 

Fallimento storico

È la prima volta in 100 anni che la terza carica dello Stato americano non viene eletta alla prima votazione.
La mancata elezione al primo colpo - seguita da altri cinqueo clamorosi flop - è un fallimento imbarazzante, umiliante e storico per i Repubblicani, che preoccupa anche i donatori del partito.
Nella storia repubblicana americana era accaduto - finora - solo 14 volte, di cui 13 prima della Guerra Civile e l'ultima nel 1923, quando furono necessari nove scrutini per rieleggere il Repubblicano Frederick Gillett. All'epoca Gillett incontrò l'opposizione dell'ala sinistra del partito. Adesso è il contrario...

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: quanto durerà la battaglia tra Kevin McCarthy e l'ala dura dei Repubblicani?

Zelensky al Congresso americano: "Grazie, Stati Uniti". E ora attende i Patriot

Biden ai corrispondenti: "Liberare i giornalisti imprigionati, Trump bambino di 6 anni"