Ponte Genova, esperto, corrosione nota ma controlli non facili

Magistrati, collaudo statico Morandi dopo 3 anni inaugurazione
Magistrati, collaudo statico Morandi dopo 3 anni inaugurazione
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 20 DIC - L'allarme corrosione lanciato dall'ingegnere Riccardo Morandi già nel 1981 e segnalato ad autostrade. La scarsa adeguatezza dei controlli sul ponte, anche da parte dei funzionari ministeriali, e la necessità di adottare provvedimenti urgenti come la "limitazione o la chiusura al traffico". Si sapeva da decenni della corrosione ma i controlli non erano semplici. È, in sintesi, quanto ha detto Ivo Vanzi, componente della commissione ministeriale creata poco dopo la strage del 14 agosto 2018, docente universitario e membro del Consiglio superiore dei lavori pubblici, nel corso del processo per il crollo del ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 vittime). Una lunga testimonianza sul lavoro svolto dai consulenti ministeriali che furono chiamati per accertare quanto successo e le possibili cause della tragedia. "Morandi - spiega Vanzi - era in apprensione per la corrosione che minava la tenuta complessiva dell'opera, generata dalla vicinanza al mare e dall'umidità". L'opera era "una struttura ardita per l'epoca" ma il tipo di struttura (cioè con il calcestruzzo precompresso) venne poi abbandonata perché non veniva protetta dalla corrosione. Però le ispezioni distruttive sono "analisi molto delicate - continua Vanzi - perché bucare è facile ma ripristinare meno. È un processo molto delicato che rischia di non fare bene all'opera". Le "prove riflettometriche", cioè l'esame dei cavi dall'esterno con una sorta di radiografia, "era ciò che si poteva fare". "C'erano però incongruenze tra le valutazioni, il voto numerico dato al difetto e al pericolo che poteva rappresentare, e il difetto stesso. C'era sottovalutazione dei difetti". Vanzi ha anche affrontato il progetto del retrofitting, il rinforzo delle pile 9 e 10. "In alcuni allegati al progetto - spiega il docente - emergevano coefficienti di sicurezza inferiori a 1 per alcune parti del viadotto. Quel dato dovrebbe indurre a interventi immediati sulle parti non sicure, come un rinforzo, ulteriori indagini o la limitazione della struttura". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come viene visto l'attacco a Israele in Iran?

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Gaza, Hamas rifiuta la proposta israeliana di cessate il fuoco e difende Teheran: Attacco meritato