Qatar 2022, oltre al calcio c'è di più: accessibilità e inclusione sociale obiettivi chiave

Di Euronews
Qatar 2022, oltre al calcio c'è di più: accessibilità e inclusione sociale obiettivi chiave
Diritti d'autore  euronews

Uno degli obiettivi principali del comitato organizzatore del Mondiale di calcio in Qatar è quello di garantire a tutti le stesse opportunità di godersi le partite. Ahmed Habib è un appassionato di calcio e non vede l'ora che il torneo cominci: ha dato il suo contributo al torneo con alcuni consigli su come migliorare l'accessibilità delle strutture per le persone con disabilità motorie.

"Credo che ci siano tutte le premesse perché questa sia l'edizione più accessibile della Coppa del Mondo - dice Habib -. Il lavoro è iniziato molto tempo fa con l'inclusione dei membri della comunità dei disabili e con l'introduzione dei migliori standard nelle sedi del torneo. L'obiettivo è quello di contribuire al cambiamento nell'intero Paese, facendolo diventare più accessibile".

Habib lavora per l'ente governativo che sovrintende a tutto ciò che riguarda la Coppa del Mondo: la sua speranza è che il Mondiale possa inaugurare una nuova era per il Paese. "È molto raro avere stadi come quelli che abbiamo qui in Qatar - dice Habib -. Tutti e otto gli stadi sono nuovi di zecca, danno la possibilità alle persone in sedia a rotelle come me di sedersi in più aree dello stadio e di avere più punti di osservazione".

Stanze sensoriale: come godersi le partite in totale relax

Ma l'accessibilità di uno stadio va oltre la semplice presenza di una fila di posti riservata alle sedie a rotelle. Il boato della folla è uno dei tanti motivi per cui le persone amano guardare gli eventi sportivi dal vivo. Ma non tutti amano il rumore. Per questo allo stadio Education City una stanza sensoriale offre ai tifosi con autismo e altre disabilità cognitive uno spazio dove rilassarsi.

Sana Abu Majeed ha iniziato a lavorare a questo tipo di stanze nel 2020 per la Coppa araba. È stata coinvolta nel progetto dopo aver contribuito all'allestimento di una stanza sensoriale alla Renad Academy, una scuola che aiuta i bambini affetti da autismo. "La maggior parte delle persone neurodiverse può essere sopraffatta dai rumori e infastidita dall'illuminazione o dagli ambienti affollati - dice Majeed -. È qui che entrano in gioco le stanze sensoriali. Questi ambienti hanno lo scopo di calmare e rilassare le persone".

Euronews
Sana Abu Majeed in una stanza sensorialeEuronews

Sabika Shaban ha fondato Qatar Disability Resource, un ente che riunisce tutti coloro che si occupano di disabilità nel Paese. "Il movimento per l'accessibilità è di per sé una sfida - dice Shaban -. Stiamo parlando di esigenze molto diverse. L'accessibilità non è solo l'installazione di una rampa e l'uso di cartelli in braille. Sono importanti, ma c'è molto di più". 

Shaban sostiene che è già stato fatto molto per promuovere l'accessibilità anche nei tornei dopo il Mondiale. "La Fifa, sorprendentemente, ha dato spazio a tante voci, che hanno portato un contributo importante - dice Shaban -. Ha ascoltato vari pareri in ogni fase del processo, dalla progettazione degli stadi all'esperienza dei tifosi, e ha creato una sorta di precedente per cui queste voci saranno parte integrante di tutto ciò che sarà fatto in futuro.

Un'altra voce importante è quella di Ghanimeh El-Taweel. Si definisce lei stessa una "piantagrane", perché ama mettere in discussione ogni cosa. El-Taweel ha partecipato alla valutazione finale dell'Education City Stadium, fornendo raccomandazioni sulla modifica della segnaletica, dell'illuminazione e dei percorsi per le persone con disabilità. "Abbiamo valutato la metropolitana e il tram - dice El-Taweel -. Credo che sui tram siano state implementate le nostre raccomandazioni sulle pedane per le sedie a rotelle. In teoria andrebbero chieste prima di salire sul tram, ma noi abbiamo suggerito che fossero sempre disponibili. Di solito sono chiuse a chiave nei tram, ora non ci sarà più bisogno di farlo".

Euronews
Ghanimeh El-Taweel ha offerto raccomandazioni per migliorare le condizioni degli spettatori con disabilitàEuronews

Per El-Taweel il coinvolgimento dei diretti interessati è fondamentale. "Il punto è essere coinvolti fin dall'inizio - dice El-Taweel -. Non siamo qui solo per fare presenza: 'Sono venute alcune persone della comunità dei disabili, con loro abbiamo finito'. No, siamo solo all'inizio. Il nostro contributo è prezioso. Conosciamo le nostre esigenze più di chiunque altro. Guardiamo al quadro generale e all'esperienza personale". La speranza è che il coinvolgimento dei diretti interessati renda il Mondiale un'esperienza più piacevole per tutti.

La dimensione sociale del calcio

Il calcio viene spesso definito "the beautiful game" per via dell'abilità dei suoi migliori giocatori. Ma per Street Child United la sua bellezza va ben oltre. L'organizzazione utilizza il calcio come piattaforma per aiutare i bambini di strada, che in questo modo possono far sentire la propria voce, ottenere sostegno e vedere garantiti i loro diritti.

"Il calcio è un linguaggio universale, parlato dai bambini che vivono per la strada come dal resto del mondo", dice John Wroe, cofondatore e amministratore delegato di Street Child United. Con gli occhi del mondo puntati sul Qatar per il Mondiale, Wroe è determinato a fare in modo che parte dell'attenzione vada ai bambini di strada. Per questo ha organizzato la Coppa del Mondo dei bambini di strada.

Euronews
Due giovani che hanno partecipato alla Coppa del Mondo dei bambini di strada in QatarEuronews

Al torneo hanno partecipato 13 squadre femminili e 15 squadre maschili da tutto il mondo. L'arrivo in Qatar è stato difficile per molti: l'accesso ai documenti d'identità, in particolare, è stato un serio problema. Sandihya Shankar è la capitana di India Girls. "Gli abbiamo detto che a prendersi cura di noi è Karunalaya, un'organizzazione di volontariato che si prende cura dei bambini - dice Sandihya Shankar, membro della squadra dell'India -. Non avevo nessun documento d'identità ufficiale. Avevo bisogno di un certificato di nascita, di una carta aadhaar o di un certificato comunitario, ma non avevo nulla di tutto questo. Karunalaya mi ha aiutato a ottenere la carta aadhaar, poi ho lottato per ottenere un passaporto. Per averlo sono serviti vari documenti".

Nonostante la provenienza da vari Paesi, molti di questi bambini devono fare i conti con gli stessi problemi. Brooke Reid è la responsabile del programma di attivazione della Qatar Foundation, che ospita la Coppa del Mondo dei bambini di strada nel suo spazio Oxygen Park. "È fondamentale riconoscere che questi giovani spesso non hanno accesso alle cose necessarie per migliorare la loro condizione, che si tratti dell'accesso all'istruzione o del diritto a un'identità - dice Reid -. Partecipare a questo torneo dà loro questa opportunità. Nella squadra del Bangladesh, tre dei ragazzi non avevano certificati di nascita e passaporti. Grazie al lavoro delle ong nel Paese, 1,5 milioni di giovani in tutto il Bangladesh hanno potuto accedere a questi documenti".

Euronews
Jenifer Mena ha rappresentato la Colombia alla Coppa del Mondo dei bambini di stradaEuronews

Jenifer Mena fa parte della squadra femminile della Colombia. Nonostante sia stata sconfitta in finale dal Brasile, l'esperienza è stata indimenticabile. "Grazie a questo torneo, ho capito che i Paesi sono interconnessi, viviamo la stessa storia - dice Mena -. Quello che vogliamo è un'uguaglianza che permetta alle donne di sentirsi al sicuro e giocare a calcio, che è lo sport più comune e quello che ci riempie di felicità, permettendoci di vivere in un ambiente più sereno".

In campo maschile a vincere è stato l'Egitto, che in finale ha battuto il Pakistan. Ma oltre al calcio c'è di più. In un modello simile a quello delle Nazioni Unite, le squadre tengono il loro congresso a porte chiuse per discutere di questioni che riguardano direttamente i giovani vulnerabili che vivono di strada. Per questi ragazzi è uno spazio sicuro in cui possono condividere le loro esperienze personali. "Ciò che è davvero interessante del Brasile è che la loro cultura di strada è molto simile a quella del Regno Unito - dice Michael Tasker, membro della squadra inglese -. La violenza, i crimini con armi da fuoco e cose del genere. È stato davvero interessante scoprire queste cose".

Alla fine del torneo, i giovani hanno presentato le loro richieste in un'assemblea generale. Chiedono il rispetto di diritti umani fondamentali: identità, protezione dalla violenza, accesso all'istruzione e parità di genere. "Crediamo che nessun bambino debba vivere e lavorare per strada - dice Wroe -. Vogliamo per loro un futuro in cui siano liberi da paura, violenza e abusi. Nel 2010 abbiamo fatto volontariato in Sudafrica. Abbiamo incontrato Andile, un ragazzo che viveva per strada da dieci anni. Ne aveva 14 quando lo abbiamo incontrato, quindi viveva per strada dall'età di quattro anni. Abbiamo giocato a calcio e Andile ha detto: "Quando la gente mi vede per strada, dice che sono un bambino di strada. Ma poi, quando mi vedono giocare a calcio, dicono che sono una persona come loro". Abbiamo capito che il calcio poteva essere usato per cambiare il modo in cui le persone vedono Andile. E se riusciamo a cambiare il modo in cui sono visti i bambini di strada, possiamo cambiare anche il modo in cui sono trattati".