EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Intimidazione a deputato Fi, Dda Reggio acquisisce inchiesta

Ipotesi é che episodio possa avere avuto una matrice mafiosa
Ipotesi é che episodio possa avere avuto una matrice mafiosa
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 08 OTT - È stata acquisita dalla Dda di Reggio Calabria l'inchiesta sull'intimidazione messa in atto lo scorso 25 agosto ai danni dell'allora candidato e deputato uscente di Forza Italia Francesco Cannizzaro, poi rieletto nelle elezioni del 25 settembre. Una persona non identificata, in quell'occasione, sparò tre colpi di pistola calibro 38 contro la vetrata delle sede della segreteria politica del parlamentare, che in quel momento stava partecipando ad una riunione insieme ad alcuni collaboratori. Due dei colpi restarono conficcati nella vetrata, che era rinforzata, mentre un terzo penetrò nei locali della segreteria, senza però raggiungere nessuno. Il passaggio del fascicolo alla Dda é stato disposto dal Procuratore della Repubblica, Giovanni Bombardieri, che sta coordinando l'inchiesta sull'intimidazione insieme ai sostituti procuratori Walter Ignazitto e Marco De Pasquale. Le indagini vengono condotte dalla Squadra mobile, diretta da Alfonso Iadevaia, sotto le direttive della Procura. Sono stati sentiti più volte lo stesso Francesco Cannizzaro e le persone che erano insieme a lui nel momento dell'intimidazione. Il parlamentare, in particolare, ha riferito di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Grazie alle immagini della videosorveglianza, inoltre, é stato ricostruito il percorso seguito dalla persona che ha sparato. Il responsabile aveva un cappellino ed aveva il viso parzialmente coperto con una mascherina anti Covid ed ha utilizzato un monopattino per raggiungere e poi allontanarsi dal luogo dell'intimidazione, ubicato a breve distanza dalla sede del Consiglio regionale della Calabria. Secondo quanto si é appreso, la decisione di fare proseguire l'inchiesta alla Procura distrettuale sarebbe da collegare all'ipotesi che viene fatta da magistrati e investigatori secondo cui l'intimidazione potrebbe avrebbe avuto una matrice mafiosa. E che, quindi, l'esecutore potrebbe avere agito su mandato di qualche cosca di 'ndrangheta. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni presidenziali Usa: Biden conferma di essere in corsa, "sono vecchio ma lucido"

Spagna campione d'Europa: la Nazionale accolta a Madrid dalla famiglia reale e dalla folla in festa

Europa, continua il caldo record in Romania e fino a 42 gradi in Italia