Nord Stream 2, la fuga di gas è finita

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore AP/AP
Di Euronews Agenzie:  Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il gas aveva iniziato a disperdersi dopo le esplosioni sospette avvenute nei giorni scorsi nel mar Baltico

PUBBLICITÀ

La società di gestione del gasdotto Nord Stream 2 ha reso noto che è finita la fuga di gas, iniziata dopo le esplosioni sospette avvenute nei giorni scorsi nel mar Baltico.

L'Agenzia danese per l'energia conferma la notizia, dichiarando che la pressione sembra essersi stabilizzata in uno dei due gasdotti che va dalla Russia alla Germania.

Fonti di Intelligence ritengono che gli oleodotti Nord Stream 1 e 2, nelle zone economiche esclusive di Svezia e Danimarca, siano stati colpiti in quattro punti da esplosioni con 500 kg di tritolo.

Rune Dyrholm/Forsvaret
AP PhotoRune Dyrholm/Forsvaret

"La pressione dell'acqua ha più o meno chiuso il gasdotto, quindi il gas che c'è dentro non può uscire - ha detto il portavoce di Nord Stream 2, Ulrich Lissek - c'è ancora del gas nel gasdotto".

Oggetto di un braccio di ferro geopolitico in questi mesi, i due gasdotti gestiti da un consorzio dipendente dal colosso russo Gazprom non sono operativi a causa delle conseguenze della guerra in Ucraina, ma entrambi erano ancora pieni di benzina.

La Guardia costiera svedese aveva precedentemente comunicato che le perdite sul Nord Stream 2 avevano mostrato grandi segnali di indebolimento, a causa dell'esaurimento del gas contenuto nelle tubature.

L'origine delle esplosioni rimane però un mistero, con Mosca e Washington che negano ogni responsabilità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gas russo: "Verso probabile azzeramento forniture a Italia"

"La guerra è una minaccia anche per l'Europa"

Guerra in Ucraina: morti e feriti negli attacchi russi in cinque regioni, Mosca tenta di avanzare