EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Zaporizhzhia, scollegato uno dei suoi reattori dopo diversi attacchi

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Andriy Andriyenko/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Andriy Andriyenko/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'evento si verifica mentre un gruppo di esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica visita l'impianto

PUBBLICITÀ

La centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, sotto il controllo russo, ha scollegato uno dei suoi reattori dopo aver registrato diversi attacchi nelle aree circostanti.

La centrale nucleare, la più grande d'Europa e la terza al mondo per potenza, già la scorsa settimana ha subito una temporanea disconnessione dalla rete per ragioni non ancora chiarite.

L'evento si verifica mentre un gruppo di esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) visita l'impianto, dopo aver raggiunto un accordo col governo di Mosca, che l'occupa dal 4 marzo.

"Abbiamo una missione molto importante da portare a termine - dice Rafael Grossi, direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica - come sapete, inizieremo immediatamente una valutazione della sicurezza nell'impianto, così com'è in questo momento.

Collaboreremo e ci consulteremo con il personale della struttura".

Andriy Andriyenko/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoAndriy Andriyenko/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

I bombardamenti hanno danneggiato anche "la linea di alimentazione ausiliaria di backup", pertanto l'unità numero 2 dell'impianto è stata temporaneamente spenta e successivamente attivata con generatori diesel.

L'unità di alimentazione 6 continua a funzionare all'interno del sistema elettrico ucraino

"In caso di attacco nucleare - dice Robert Mardini, direttore generale del Comitato internazionale Croce Rossa (CICR) - sarebbe difficile, se non impossibile, fornire assistenza umanitaria.

È quindi giunto il momento di smettere di giocare con il fuoco e prendere invece misure concrete per proteggere questa struttura e altre simili da eventuali operazioni militari".

Emilio Morenatti/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoEmilio Morenatti/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

E mentre la Russia accusa l'Ucraina di aver tentato di "prendere il controllo" della centrale nucleare attraverso 60 unità di sabotaggio, il personale ucraino dell'impianto prova a limitare i danni alle infrastrutture.

Con un promemoria: è la seconda volta negli ultimi 10 giorni che "le azioni criminali dei rivoltosi hanno portato alla chiusura dell'unità" in questione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Al via la missione dei tecnici dell'Aiea nella centrale di Zaporizhzhia

Ucraina lancia controffensiva a Kherson, per Mosca è "una falsità"

Ucraina, attacco russo colpisce l'ospedale pediatrico Okhmatdyt a Kiev