Riviera emiliano-romagnola: allarme rientrato

Image
Image Diritti d'autore Salvatore Cavalli/Salvatore Cavalli
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Era stato riscontrato il batterio escherichia-coli in 26 località, ma i livelli sono rientrati nella norma

PUBBLICITÀ

I parametri del batterio Escherichia Coli nel mare della riviera emiliano-romagnola sono rientrati nei limiti in tutti i punti dove si erano registrate anomalie. Verranno dunque ritirate a breve le ordinanze di divieto temporaneo di balneazione. A dirlo l'assessore regionale all'Ambiente, Irene Priolo.

Il batterio che può provocare crampi addominali, vomito o diarrea era stato riscontrato in ben ventisei località interessate della riviera romagnola. Per i tecnici dell'Arpae, l'Agenzia di prevenzione ambientale dell'Emilia Romagna. un vero mistero.

Allarme rientrato

Nonostante la notizia però, quasi nessuno aveva rispettato le ordinanze che vietavano la balneazione e le spiegga sono rimaste piene di turisti italiani e stranieri. 

Del resto Rimini ad esempio, era abituata ai divieti di balneazione per il rischio batterico prima della recente riqualificazione delle fogne.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Roma: temperature alte, prima domenica al mare a febbraio

Venezia introduce nuovi limiti al turismo: vietati gruppi superiori a 25 persone

Sciopero commercio e turismo: manifestazioni in tutta Italia, "negozi aperti"