This content is not available in your region

Minacce via telefono a Bassetti, primo rinvio a giudizio

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Dopo pubblicazione del numero su chat Telegram
Dopo pubblicazione del numero su chat Telegram

(ANSA) – GENOVA, 21 LUG – Primo rinvio a giudizio per uno dei
molestatori seriali che lo scorso autunno hanno subissato di
minacce e insulti Matteo Bassetti, primario del reparto di
Infettivologia dell’ospedale San Martino di Genova, dopo che il
suo numero privato era stato pubblicato sulle chat di Telegram. “Oggi mi sento soddisfatto – ha scritto il professore sul suo
profilo Facebook – perché vedo i primi frutti della perseveranza
e del lavoro che, in questi mesi, abbiamo fatto con il mio
avvocato Rachele De Stefanis. E’ stato notificato un rinvio a
giudizio sperato e desiderato, tra i tanti che confido
arriveranno, per un uomo di Spezia che, per oltre tre mesi, mi
ha molestato e minacciato con messaggi e video sul mio personale
numero di cellulare. Uno di quei soggetti che si inserì nella
campagna diffamatoria e minatoria nel miei confronti lo scorso
autunno, quando il mio numero privato venne pubblicato sui
principali canali Telegram legati alla frangia no vax”. L’uomo, ultrà dello Spezia, è accusato di minacce aggravate e
molestie. Secondo quanto emerso dalle indagini, da settembre a
dicembre dell’anno scorso aveva mandato messaggi su WhatsApp e
video a Bassetti. “Giù le mani dai bambini.. Sempre se tenete
alla vostra vita… Siamo pronti a tutto, occhio” e, ancora,
“Corrotto”, “Ti aspetto”. Lo scorso autunno erano finiti nel mirino dei No vax oltre a
Bassetti, altri virologi, politici e giornalisti i cui numeri
erano stati pubblicati su Telegram. A novembre la procura
genovese aveva indagato 36 persone per stalking di gruppo e
minacce. Un anno fa, inoltre, un No vax era stato denunciato
dopo aver inseguito e minacciato il primario sotto casa. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.