This content is not available in your region

Ucraina, attacco nel Lugansk. La Russia avanza nel Donbass, Kiev resiste

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina   -   Diritti d'autore  Captura de vídeo de AFP

Ancora raid e altri morti in Ucraina mentre le forze di combattimento russe stanno molto probabilmente operando in raggruppamenti e sotto organico. Questo non ferma la loro avanzata. 

Come hanno affermato le autorità ucraine, alcuni gruppi tattici di battaglioni russi - in genere costituiti da circa 600-800 persone - sono stati in grado di radunare solo 30 soldati". A dichiararlo su Twitter l'intelligence del Ministero della Difesa britannico nell'aggiornamento quotidiano sul conflitto in corso.

A Lysychanks almeno tre civili sono stati uccisi e altri sette sono rimasti feriti in un attacco aereo. Secondo il rapporto del governatore della regione di Luhanks le bombe sono cadute su un edificio dove si erano rifugiati diversi civili in attesa di essere evacuati. Lysychansk è la città gemella di Severdonetsk, dove si combatte una battaglia chiave per il futuro del Donbass.

"Gli occupanti russi continuano a sparare contro le unità delle nostre truppe con tutte le armi da fuoco disponibili nelle diverse aree, ha sottolineato Oleksandr Shtupun, Portavoce di Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Ucraina. Il nemico non sta cercando di prendere il pieno controllo sulla città di Sievierdonetsk ma prosegue con i combattimenti."

Filorussi: non ci fermeremo

"Le forniture di nuove armi dell'Occidente all'Ucraina stanno costringendo le truppe" dei separatisti filorussi del Donbass "a non fermarsi ai confini della Repubblica di Donetsk". Lo ha detto il leader dell'entità autoproclamata, Denis Pushilin, citato da Ria Novosti.

Un conflitto che in termini di vite umane sta diventando gravoso e che non sembra essere destinato a risolversi nel breve periodo. Le autorità di Kiev parlano di pesanti perdite da entrambe le parti, con distruzioni di infrastrutture e di due centri di comando ucraini Nel suo rapporto quotidiano, il ministero della Difesa russo ha affermato che l'esercito di Mosca ha neutralizzato oltre 280 militari ucraini a Donetsk. Le autorità di Kiev parlano di pesanti perdite da entrambe le parti, con distruzioni di infrastrutture e di due centri di comando ucraini.

"Tutti i principali ponti sul fiume Siverskyy Donets, che collegano la città contesa di Severodonetsk con il territorio controllato da Kiev, sono stati probabilmente distrutti. L'Ucraina è probabilmente riuscita a ritirare gran parte delle sue truppe che inizialmente tenevano la città. La situazione continua a essere estremamente difficile per le forze ucraine e i civili rimasti a est del fiume", afferma l'intelligence, "con la probabile distruzione dei ponti, la Russia dovrà ora condurre un attraversamento del fiume o avanzare lungo le rive, attualmente in stallo, per trasformare il vantaggio tattico in vantaggio operativo"

A Slovyansk, nella vicina regione di Donetsk, i soldati sono sempre in stato di massima allerta. Il totale controllo di Severodonetsk potrebbe dare ai russi l'accesso al resto dell'area ripristinando un collegamento con le truppe che si trovano nel sud del Paese.

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA