EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Donbass: Severodonetsk quasi in mano russa, distrutti i ponti per uscire dalla città

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Oleksandr Ratushniak/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Oleksandr Ratushniak/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Circa 500 persone sono rifugiate all'interno dell'impianto chimico di Azot, che viene bombardato senza sosta

PUBBLICITÀ

Le truppe russe controllano quattro quinti di Severodonetsk, città chiave nella battaglia per il Donbass.

I tre ponti che portano fuori dalla città sono stati distrutti, rendendo estremamente difficile l'evacuazione dei 12.000 civili che ancora vivono lì: prima della guerra, erano più di 100.000.

Circa 500 sono rifugiati nell'impianto chimico di Azot, che viene bombardato senza sosta.

AP/Russian Defense Ministry
AP PhotoAP/Russian Defense Ministry

Mosca ha annunciato che aprirà un corridoio umanitario per evacuare i civili: i separatisti filorussi sostengono che quasi 2.500 militari ucraini siano asserragliati nello stesso impianto chimico e hanno chiesto ulteriori forze alleate per evitare i presunti bombardamenti ucraini in città come Donetsk.

Qui sarebbe stato preso di mira il reparto maternità di un ospedale: il tetto e diverse finestre della struttura sono state danneggiate.

Sempre secondo le stesse fonti russe, tre civili sono stati uccisi per la caduta di una granata su un mercato.

AP/Russian Defense Ministry
AP PhotoAP/Russian Defense Ministry

Ancora incessante la pioggia di proiettili nella zona del Donbass controllata dall'Ucraina: i pesanti combattimenti hanno lasciato città come Selydove, che riceve un flusso costante di sfollati in fuga dall'offensiva russa, senza quasi nessun rifornimento.

Le autorità locali sono sopraffatte dagli eventi e ammettono di non poter aiutare tutti i nuovi arrivati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi del grano. Ucraina, raccolto a rischio. Allarme dell'ONU

Ucraina, staffetta diplomatica tra Roma, Parigi, Berlino e Bruxelles

L'Ucraina può vincere la guerra?