This content is not available in your region

Obiettivo numero uno: "liberare" il grano. Altrimenti rischiamo una crisi alimentare pluriennale

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
euronews_icons_loading
La libertà del grano.
La libertà del grano.   -   Diritti d'autore  Euronews

Liberare il grano. 

Dall'inizio dell'anno a metà maggio, il prezzo del grano è aumentato di una volta e mezza, e - dal 16 maggio - di un altro 6%, dopo che l'India, sopravvissuta alla più grave siccità della sua storia, ha vietato le esportazioni.

Secondo l'ONU e il suo Segretario Generale Antònio Guterres, il mondo è sull'orlo di una crisi alimentare pluriennale, che potrebbe portare centinaia di milioni di persone alla malnutrizione, oltre agli attuali 1,6 miliardi che vi sono già tristemente arrivati.
"Se la guerra in Ucraina dovesse continuare, 323 milioni di persone rischiano di morire di fame", ha dichiarato il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, David Beasley.

Su questo tema, in collegamento con la riunione del Consiglio ministeriale dell'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) a Parigi,  interviene il presidente ucraino Volodymyr Zelensky
"Centinaia di milioni di persone in diversi continenti rischiano di trovarsi sulla soglia della mancanza di cibo e, peggio, della fame, di cui la Russia è pienamente responsabile. L'Europa vive una delle situazioni energetiche più difficili della sua storia. E non sappiamo nemmeno quali altre crisi la Russia sta preparando per il mondo libero".

Euronews
Zelensky durante il suo intervento sul grano.Euronews

Lo stesso Zelensky ha chiesto l'esclusione della Russia dalla FAO (Food and Agricoltural Organization), organizzazione ONU per l'Alimentazione e l'Agricoltura, con sede a Roma. 

"Non ci possono essere discussioni per prolungare l'adesione della Russia alla FAO. Quale sarebbe il posto della Russia se causa la carestia per almeno 400 milioni di persone, se non oltre un miliardo?"
Volodymyr Zelensky
44 anni, presidente dell'Ucraina

A Parigi, presso la sede dell'OCSE, si è tenuta una riunione, presieduta dall'Italia, sul tema: "Il futuro che vogliamo". Inevitabilmente si è discusso di grano e dei porti del Mar Nero.
Ne ha parlato anche il Presidente del Consiglio italiano Mario Draghi.

"I nostri sforzi per prevenire una crisi alimentare devono partire dai porti ucraini del Mar Nero. Dobbiamo sbloccare i milioni di tonnellate di cereali che sono bloccati lì a causa del conflitto. Dobbiamo offrire al Presidente Zelensky le garanzie di cui ha bisogno che i porti non saranno attaccati".
Mario Draghi
74 anni, Presidente del Consiglio italiano
Euronews
L'intervento di Mario Draghi all'OCSE. (Parigi, 8.6.2022)Euronews

Quali alternative?

È possibile sostituire il mare per il trasporto del grano?

Non esiste un sostituto adeguato: prima della guerra, oltre il 90% del grano ucraino veniva esportato via mare.

La ferrovia è il principale canale alternativo, ma presenta un grosso problema: in Ucraina lo scartamento ferroviario è di 1520 mm, in Europa di 1435 mm. Con tutti i problemi logistici del caso. 

Un'alternativa sarebbe la rotta meridionale attraverso i porti romeni sul Danubio e il porto di Costanza sul Mar Nero. Ma anche in questo caso si tratta di un trasporto complesso e costoso e a bassa capacità.

La guerra e i Paesi che rischiano di più

La rivista "The Economist" ha calcolato che la Russia e l'Ucraina insieme rappresentano il 12% di tutte le esportazioni alimentari globali, misurate in calorie. In termini fisici, per le principali colture, questa quota è più alta: il 17% delle esportazioni di cereali di mais, il 30% del grano (l'Ucraina da sola ne ha il 7%) e il 78% delle esportazioni di olio di girasole.

Non c'è nulla che possa sostituire le esportazioni perse in decine di Paesi con una popolazione di centinaia di milioni di persone, soprattutto nel Nord Africa e in Medio Oriente.
Secondo la Fao, la quota di grano russo e ucraino supera il 30% delle importazioni di grano di 50 Paesi, il 50% delle importazioni di 26 Paesi.

Alcuni dei Paesi più poveri e privi di una propria produzione di materie prime (Somalia, Eritrea, Benin, Libano, con una popolazione totale di quasi 40 milioni di persone) dipendono quasi completamente dal grano russo e ucraino.

"La guerra in Ucraina non ha creato una crisi di sicurezza alimentare che si stava aggravando da anni, ma l'ha esacerbata all'estremo", ha dichiarato Sarah Manker, capo della Gro Intelligence, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
Secondo la Manker, nel mondo c'erano 10 settimane di riserve di grano, che non c'erano nemmeno alla vigilia della "Primavera araba" del 2010: "Non si tratta di un fenomeno ciclico, ma di uno shock tettonico che si verifica una volta ogni generazione ed è in grado di ridisegnare l'intero quadro geopolitico".

Secondo il presidente dell'Associazione ucraina del grano, Nikolay Gorbaciov, dall'inizio dell'anno agricolo al 24 febbraio, sono già stati esportati 43 milioni di tonnellate.
Nei mesi di marzo, aprile e maggio, le esportazioni di cereali non hanno superato in media 1,3 milioni di tonnellate, rispetto ai 5,7 milioni di tonnellate di gennaio e ai 5,1 milioni di tonnellate di febbraio.