This content is not available in your region

Grano ucraino bloccato nei porti: Turchia, "vicini a una soluzione"

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
Grano ucraino
Grano ucraino   -   Diritti d'autore  Efrem Lukatsky/The Associated Press

Al valico di frontiera di Korczowa verrà raddoppiata la capacità di camion per facilitare il flusso di merci - soprattutto di grano dall'Ucraina alla Polonia. È una delle misure con cui i Paesi europei cercano di salvare il raccolto del Paese, quinto esportatore al mondo del cereale. Un flusso rallentato per il fatto che le ferrovie polacche e ucraine viaggiano su sistemi diversi, dunque il varco va passato in camion. La Turchia lavora per sbloccare il fronte del Mar Nero e ha annunciato sviluppi positivi dopo due giorni dei ministri della Difesa della Nato a Bruxelles.

"Nei prossimi giorni vedremo un rapido sviluppo delle cose - ha detto Hulusi Akar, ministro della Difesa turco - Stiamo lavorando a un incontro tra Russia, Ucraina, Onu e Turchia per arrivare a una soluzione. L'Onu ha un piano su cui possiamo dire che le parti sono per lo più d'accordo".

Bloccati in porto

Quindici navi cariche di grano rimangono ormeggiate nei porti ucraini, ha informato il ministro della Difesa turco. Mentre inizia il raccolto per gli agricoltori dell'Ucraina meridionale, la logistica rimane difficile a causa del blocco navale imposto dalla Russia. Al porto di Izmail, sul Danubio, al confine con la Romania, i camionisti aspettano anche tre giorni prima di imbarcare il carico.

Per il commercio ferroviario, il problema è lo scartamento più ampio dei binari ferroviari in Ucraina. Il grano deve essere caricato sui treni in Polonia. Per questo motivo Varsavia si sta attivando per facilitare il passaggio del grano su camion attraverso il confine polacco-ucraino.

Apertura di Putin

La Russia "accoglie con favore l'invito dell'Onu per il dialogo sulla sicurezza alimentare", ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel suo intervento allo Spief a San Pietroburgo. "La Russia - ha aggiunto - non ostacola la fornitura di grano ucraino al mercato mondiale, non abbiamo minato i loro porti".