Tonno adulterato, indagine e perquisizioni Nas a Bisceglie

Inchiesta aperta dopo intossicazione di 27 persone
Inchiesta aperta dopo intossicazione di 27 persone
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 20 MAG - Avrebbero trattato e adulterato del tonno a pinna gialla pescato nell'oceano Atlantico con sostanze non consentite per esaltarne l'aspetto e il colore ma rendendolo nocivo per la salute dei consumatori e provocando effettivamente l'intossicazione di una trentina di persone che lo avevano mangiato in Puglia, Toscana e Liguria. Per questa ragione tre imprenditori ( padre e due figli) e un dipendente di due aziende ittiche di Bisceglie, sono indagati a vario titolo per contraffazione di sostanze alimentari, frode nell'esercizio del commercio, vendita di sostanze alimentari non genuine, distribuzione di alimenti nocivi e lesioni personali. I carabinieri del Nas, Nucleo anti sofisticazione, insieme a personale della Asl sta eseguendo nove decreti di perquisizione disposti dalla Procura di trani presso le due aziende coinvolte e le abitazioni degli indagati e in due laboratori di analisi campani, ad Avellino. Questi ultimi, laboratori privati e accreditati, fornivano le certificazioni necessarie alla commercializzazione del tonno. Le indagini sono state avviate dopo una intossicazione alimentare che un anno fa ha colpito 27 persone in Puglia, Toscana e Liguria. Una intera famiglia di Pezze di Greco di Fasano, in provincia di Brindisi, ha dovuto ricorrere alle cure ospedaliere. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: trovato morto in Spagna il pilota russo disertore

Gaza: il Wfp annuncia sospensione aiuti alimentari nel nord della Striscia

Le notizie del giorno | 21 febbraio - Mattino