This content is not available in your region

Più aiuti militari a Kiev e nuove sanzioni contro Mosca. Il G7 compatto per l'Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Un carro armato danneggiato dal conflitto, all'est di Kharkiv
Un carro armato danneggiato dal conflitto, all'est di Kharkiv   -   Diritti d'autore  SERGEY BOBOK/AFP or licensors

Sì a ulteriori sanzioni contro la Russia e a nuovi aiuti militari. Convinto l'appoggio che arriva all'Ucraina dal G7 di Wangels, in Germania. Secondo indiscrezioni pari a 30 miliardi di dollari, il pacchetto che potrebbe essere ufficializzato già la prossima settimana. Ospite d'onore, il Ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba ha però sollecitato interventi più decisi e coraggiosi. 

"Se non si troverà l'accordo sull'embargo al petrolio russo, il presidente Putin potrà festeggiare - ha detto Kuleba -. Sarà la prima volta che l'unità dell'Unione Europea sarà infranta dall'opposizione di un solo paese: l'Ungheria"

Embargo al petrolio russo. Verso un accordo la prossima settimana

Nonostante le preoccupazioni sulle forniture ai paesi dell'Europa orientale, diversi diplomatici e alti responsabili UE hanno lasciato trapelare che il via libera a un embargo progressivo sul petrolio russo potrebbe già arrivare alla riunione dei Ministri degli esteri dell'Unione Europea della prossima settimana.  

Lavrov attacca la UE: "Attore aggressivo con ambizioni al di fuori dell'Europa"

Dal Tajikistan il Ministro degli esteri russo Sergei Lavrov ha accusato l'Unione Europea di ingerenze espansionistiche. "Da piattaforma economica costruttiva, come era stata concepita - ha detto - l'Unione Europea si è trasformata in attore aggressivo e militante, con ambizioni che vanno ben al di là del continente europeo". 

HANDOUT/AFP
Il Ministro degli esteri russo, Sergei Lavov, in TajikistanHANDOUT/AFP

Zelenskiy a Putin: "Incontriamoci ma senza intermediari"

Zelenskiy si dice intanto pronto a un incontro con Putin: "Solo con lui, da Presidente a presidente - ha però detto - senza intermediari". Washington riapre nel frattempo i canali di comunicazioni con Mosca. Nel suo primo confronto con il suo omologo russo Shoigu, da metà febbraio, il Ministro della difesa statunitense Lloyd Austin ha subito sollecitato un cessate il fuoco immediato

SERGEI SUPINSKY/AFP or licensors
Il presidente ucraino ZelenskiySERGEI SUPINSKY/AFP or licensors

Kiev si prepara a una lunga guerra: "Armeremo un milione di persone"

La richiesta, confermata dal portavoce del Pentagono si scontra però con i segnali sul campo. "Ci prepariamo a una nuova e lunga fase della guerra", il messaggio con cui il Ministro della difesa ucraino Oleksii Reznikov, ha motivato l'auspicio di poter presto "armare un milione di persone". "Le prossime - ha detto - saranno settimane cruciali ed estremamente difficili. 

Ci prepariamo a una nuova e lunga fase della guerra. Speriamo di armare un milione di persone. Le prossime settimane saranno difficili.
Oleksii Reznikov
Ministro della difesa ucraino

Finlandia verso la NATO? Mosca le stacca la luce

In rappresaglia al sì di Helsinki all'adesione alla NATO, la Russia ha annunciato che da sabato sospenderà le forniture elettriche alla Finlandia. "Un suo ingresso nell'Alleanza Atlantica - aveva già fatto sapere - ci costringerà a rispondere sul piano tecnico, militare e non solo".