This content is not available in your region

Al fianco di Mélenchon anche i socialisti

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Il parlamento di Parigi
Il parlamento di Parigi   -   Diritti d'autore  AP Photo

Il Consiglio nazionale del Partito Socialista Francese ha adottato col 62% l'accordo con LFI per le elezioni legislative di giugno, uno storico cambio di rotta, dopo dibattiti talvolta tesi che hanno in parte prolungato la rivolta di alcune personalità del partito. L'accordo è stato adottato con 167 voti favorevoli, 101 contrari e 24 astensioni.

La rinascita della sinistra

L'armata di sinistra oltre al partito di Mélenchon raccoglie verdi e comunisti, col PS socialista si rafforzano le possiblità di riuscita. La covinzione viene dai vertici del partito. "La sinistra può vincere solo se si unisce, le persone lo sanno e ce lo dicono": ammette il socialista Olivier Faure. Il battage si fa accanito anche per strada, nei mercati ormai assolati di Francia dove si può convincere qualcuno in più. Per alcuni una sinistra vincente potrebbe obbligare il presidente Emmanuel Macron  a considerare una grande parte dell'opposizione. Intanto il partito di Jean-Luc Mélenchon porta con sé una dote del 22% dei consensi alle elezioni presidenziali. L'appuntamento è per il 12 giugno.