EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Vertice a Bruxelles tra i ministri Ue dell'energia: cercasi soluzioni contro il "taglio" russo

Europa unita per il gas.
Europa unita per il gas. Diritti d'autore Virginia Mayo/Associated Press
Diritti d'autore Virginia Mayo/Associated Press
Di Euronews Europe
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Primo summit europeo, oggi a Bruxelles, dopo la sospensione delle forniture di gas a Bulgaria e Polonia decisa dalla Russia. L'Unione europea cerca alternative: anche per pagare in rubli, come vuole Mosca, senza aggirare le sanzioni

PUBBLICITÀ

L'Europa di fronte alla crisi energetica.

I ministri dell'energia dell'Unione europea si incontrano oggi a Bruxelles nel primo vertice dopo la decisione della Russia di tagliare le forniture di gas a due Stati membri: Polonia e Bulgaria.

L'obiettivo è quello di rimanere uniti e mostrare solidarietà all'interno del blocco europeo, cercando soluzioni al "taglio" deciso da Mosca.

L'energia europea vuole avere un futuro.

La scorsa settimana Il gigante russo dell'energia Gazprom ha interrotto le forniture di gas dopo il rifiuto di Varsavia e Sofia di pagare in rubli.

Dimitris Tosidis/ 2022 ΑΘΗΝΑΙΚΟ-ΜΑΚΕΔΟΝΙΚΟ ΠΡΑΚΤΟΡΕΙΟ ΕΙΔΗΣΕΩΝ
Il premier bulgaro Kiril Petkov (a destra) con il ministro greco dell'Energia, Kostas Skrekas, durante la visita al cantiere del gasdotto di Komotini, in Grecia. (21.3.2022)Dimitris Tosidis/ 2022 ΑΘΗΝΑΙΚΟ-ΜΑΚΕΔΟΝΙΚΟ ΠΡΑΚΤΟΡΕΙΟ ΕΙΔΗΣΕΩΝ

Il Cremlino esige il pagamento nella valuta russa per diminuire così l'impatto delle sanzioni occidentali, che riguardano centinaia di miliardi di dollari di beni russi.

L'Ue ha accusato Mosca di ricatto, ma sta valutando come effettuare il pagamento in rubli senza infrangere le sanzioni.

Tuttavia, l'intransigenza della Russia sta spingendo l'Europa sull'orlo di una crisi energetica, provocando un aumento del 20% del prezzo del gas all'ingrosso.

Oltre a Polonia e Bulgaria, la preoccupazione è che la Russia possa "tagliare" anche altri paesi, ad esempio la Germania, il cliente più importante di Gazprom in Europa, che dalla Russia riceve il 55% del suo gas, pagandole 5 miliardi di euro per gas e petrolio dall'inizio del conflitto in Ucraina.

Altri paesi a rischio sono Italia, Finlandia, Croazia e Lettonia, che per i combustibili sono pesantemente dipendenti da Mosca.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stop al gas russo: Sofia accelera sul gasdotto Grecia-Bulgaria

USA, impianti convertono il gas in forma liquida per rifornire l'Europa

Polonia e Bulgaria devono trovare in fretta un'alternativa al gas russo