This content is not available in your region

Guerra in Ucraina, perché Odessa non cadrà in mano ai russi. Analisi di Ugo Poletti

Access to the comments Commenti
Di Cecilia Cacciotto
euronews_icons_loading
Odessa si prepara all'offensiva russa
Odessa si prepara all'offensiva russa   -   Diritti d'autore  Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

L'offensiva russa contro Odessa è vicina? Forse non ci sarà, la città comunque è pronta a tutto, il suono delle sirene è l'assegno di accompagnamento distribuito ai suoi abitanti da giorni ormai.

Ugo Poletti, direttore del "The Odessa Journal" vive e lavora ormai da anni nella perla del mar Nero e ci dice che dal punto di vista geopolitico la conquista della città da parte russa è anche più importante della conquista di Kiev perché consentirebbe a Mosca di avere il pieno controllo del mar Nero.

Il tempo finora ha giocato a favore di Odessa, la resistenza di Mariupol e Mykolayiv ha consentito alla città di attrezzarsi, alzando barricate, costruendo e posizionando i cavalli di Frisia nelle strade, gli abitanti hanno fatto scorta di armi, cibo e medicine.

Hanno trasformato Odessa in una città inespugnabile. Quell'Odessa che adesso scrivono e pronunciano all'ucraina con una 's'.

Anche qui donne e bambini sono partiti, ma l'80% della popolazione è rimasta: restare, in fondo, è resistere a Putin, è amore per una città dove, ironia della storia, si parla russo, 8 abitanti su dieci parlano la lingua di Putin.

"Assistiamo a una fiammata patriottica quasi inimmaginabile, molti cittadini sono andati a arruolarsi, chi non è stato preso per andare a combattere si dà da fare in altro modo - ci dice ancora Poletti - cucina, prepara le barricate: il morale è alto".

Ma non basta il morale alto per salvare una città, che resta vulnerabile: eppure Ugo Poletti sa che Odessa non cadrà in mano russa, dice però di non poter dire oltre. (Se vuoi ascoltare l'intervista integrale clicca il video qui sotto).

Odessa è anche un po' italiana. Furono i marinai genovesi a fondare le prime colonie sulle rive del mar Nero, colonie che prosperarono fino a metà del XVesimo secolo quando l'impero ottomano strappo' il controllo di Costantinopoli all'impero di Bisanzio e taglio' le vie di comunicazione con Genova. Al loro posto rimase solo una fortezza ottomana.

Ed oggi Odessa è diventata di nuovo una fortezza. Sotto un cielo spazzato dal vento, che in spiaggia solleva la sabbia usata per i sacchi da trincea, in queste ore prega perché il vento non cambi.