This content is not available in your region

Onu: 3,5 milioni di rifugiati ucraini fuggiti dal Paese in guerra

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo  Agenzie:  Ansa
euronews_icons_loading
Onu: 3,5 milioni di rifugiati ucraini fuggiti dal Paese in guerra
Diritti d'autore  Bernat Armangue/The Associated Press

Il flusso di rifugiati ucraini è costante attraverso il valico di frontiera di Medyka in Polonia.
Secondo l'ONU, il numero di persone che sono fuggite dalla guerra in Ucraina supera ora i 3,5 milioni. È la peggiore crisi di rifugiati in Europa dalla seconda guerra mondiale. La stragrande maggioranza sono donne e bambini.

Natalia ha 45 anni ed è arrivata in Polonia da Mykolaiv: "Siamo fuggiti quando hanno iniziato a bombardare, è questo che ci ha fatto capire che non potevamo più stare a casa nostra - ha raccontato - Quando i razzi sono arrivati a 500 metri da noi. È stato spaventoso e mio marito è rimasto, l'ho dovuto lasciare lì".

La mappa della crisi

Con più di 2,1 milioni di rifugiati accolti finora, la Polonia è in cima alla lista dei paesi ospitanti, seguita da Romania e Moldavia.

Euronews
La mappa dei rifugiati ucrainiEuronews

Di fronte alla grandezza del dramma, il giornalista russo Dmitry Muratov ha deciso di mettere all'asta la medaglia del premio Nobel per la Pace che gli è stata assegnata l'anno scorso per raccogliere fondi per i rifugiati ucraini.

Dal quotidiano indipendente Novaya Gazeta, di cui è redattore, ha invitato a "condividere tutto il possibile con i rifugiati, i feriti e i bambini che hanno bisogno di cure urgenti" Parole che vanno al cuore di un'Europa in cui molti paesi si vedono riflessi nel dramma ucraino e che ha accolto a braccia aperte i rifugiati fin dalle prime settimane della crisi.

L'Italia fa la sua parte

Il governo italiano oggi ha stanziato mezzo miliardo di euro per accogliere e assistere gli ucraini che con ogni mezzo stanno raggiungendo le città italiane e che spesso trovano rifugio grazie alla generosità dei cittadini. "Gli italiani hanno spalancato le porte, con quel senso di accoglienza che è l'orgoglio del nostro Paese", ha ribadito oggi il premier Mario Draghi.

Quello dall'Ucraina è un esodo "tragico e senza precedenti in tempi recenti", sottolinea l'agenzia dell'Onu per i rifugiati. Sia per l'entità - sono oltre 3 milioni e mezzo le persone fuggite finora dalla guerra - sia per la velocità con cui questo flusso di donne e bambini si riversa nei Paesi vicini e amici.

In Italia sono 61.493 i profughi ucraini arrivati dall'inizio del conflitto, e per loro il governo nell'ultimo decreto ha stanziato 507,5 milioni di euro. La maggior parte delle risorse - 348 milioni per il 2022 - va all'accoglienza, che procede su un doppio binario: il Contributo di autonoma sistemazione (Cas) copre le spese d'affitto dei rifugiati e riguarderà fino a 60mila persone per una durata massima di 90 giorni. Poi c'è l'accoglienza diffusa, che coinvolgerà fino a 15mila persone.

Rete di accoglienza

Questi ultimi sono gli ucraini ospitati attraverso il terzo settore, gli istituti religiosi o direttamente dalle famiglie che se ne stanno facendo carico, a cui dovrebbero andare "20-25 euro a persona" ospitata al giorno, ha spiegato oggi il Capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio. Sempre agli alloggi sono destinati altri 7,5 che vanno a incrementare la dotazione del ministero dell'Interno per i centri d'accoglienza.

"Vogliamo aiutare i rifugiati non solo ad avere una casa, ma anche a trovare un lavoro e a integrarsi nella nostra società, come hanno fatto i 236mila ucraini che già vivono in Italia", ha detto Draghi in occasione del video-incontro alla Camera con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Tuttavia, è il monito della ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, "ci vuole la garanzia che i minori non accompagnati ucraini non si disperdano sul territorio. Non dobbiamo correre il rischio di creare sistemi di welfare alternativo". Nelle scuole italiane sono già entrati tremila bambini ucraini e aumentano al ritmo di 200 al giorno.