This content is not available in your region

Guerra in Ucraina: l'industria dei trasporti tedesca soffre il caro benzina

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Guerra in Ucraina: l'industria dei trasporti tedesca soffre il caro benzina
Diritti d'autore  Martin Meissner/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

L'aumento dei prezzi del carburante, conseguenza della guerra in Ucraina, sta diventando una questione di sopravvivenza per l'industria dei trasporti tedesca. L'associazione federale dell'autotrasporto, della logistica e dello smaltimento (BGL) parla di un "fattore di peso fondamentale per le piccole e medie imprese tedesche e per l'industria dei trasporti".

"La situazione non è mai stata così estrema come in questo momento per l'industria", dice il portavoce dell'associazione Dirk Engelhardt. "Gli aumenti estremi dei prezzi del carburante sono un problema enorme per le nostre Pmi. Sono fortemente minacciate dall'insolvenza".

La guerra in Ucraina ha scatenato una reazione a catena anche a livello occupazionale nel trasporto merci europeo. "Abbiamo circa 240 autisti polacchi. Gli autisti ucraini lavorano in Polonia", spiega Thomas Uhrig, manager della Spedition Bork GmbH & Co. KG. "Devono tornare al loro Paese d'origine: o sono chiamati per il servizio militare o, naturalmente, vogliono mettere al sicuro la propria casa. Di conseguenza c'è una carenza di autisti in Polonia".

Da inizio mese i prezzi della benzina e del diesel in Germania sono aumentati fino al 32%. Il gasolio in particolare è diventato significativamente più costoso. In media, un litro costa quasi 57 centesimi di euro in più rispetto a due settimane fa.