This content is not available in your region

Vita da aspirante legionario straniero in Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Dall'inviata in Ucraina: Valérie Gauriat - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
Pierre, cittadino francese, è pronto ad aiutare l'Ucraina.
Pierre, cittadino francese, è pronto ad aiutare l'Ucraina.   -   Diritti d'autore  euronews

Pierre Kastner Kysilenko è un cittadino francese di madre ucraina.

Vive a Berlino, ma si è recentemente trasferito a Leopoli, nell'ovest dell'Ucraina.

Ex soldato, ora riservista, di professione consulente, Pierre vuole a tutti i costi aiutare il paese dove vive ancora parte della sua famiglia.

"Stiamo andando a Javoriv, 70 km a sud di Leopoli, vicino al confine polacco, che è il centro di reclutamento e formazione della Legione Straniera, la Legione Straniera Ucraina, la legione dei volontari stranieri", spiega Pierre, mentre sale a bordo di un fuoristrada.

euronews
Pronto a partire.euronews

Lo accompagniamo.
La strada è disseminata di posti di blocco, che ci è vietato filmare, con il rischio di finire sotto la legge marziale.

Chiediamo all'ufficiale che ci accompagna qualcosa sulla della Legione Internazionale, creata dalla presidenza di Zelenskyy.

- Quanto è importante avere questa Legione Internazionale? È davvero importante per l'esercito ucraino?

Stepan, membro dell'esercito nazionale ucraino, risponde così:
"Certo che è molto utile, abbiamo bisogno di questa esperienza di altri eserciti per affrontare questo grande nemico. Al giorno d'oggi non è sufficiente uccidere il nemico. Bisogna uccidere tutto il suo background informativo, la sua propaganda, tutte le cose che il nemico usa in questi conflitti moderni".

Quando arriviamo a destinazione, i giornalisti non sono autorizzati a filmare l'edificio militare, né a seguire Pierre al centro di reclutamento.

Aspettiamo che ritorni nella piazza principale della città.

Le sue aspettative vengono deluse. Deve rinunciare all'idea di arruolarsi.

"I volontari devono fare un mese o due di formazione, a seconda della loro esperienza militare, il che significa che è una cosa seria. E i volontari continuano ad arrivare", racconta Pierre.
"Ma sono brutte notizie per me, perché speravo di poter andare avanti e indietro, magari passare qualche settimana qui e poi tornare in Germania, e poi tornare di nuovo. Ma non è possibile, perché il contratto è per tutta la durata della guerra. Quindi, questo significa che, personalmente, dovrò trovare un altro modo di aiutare, un altro modo di essere utile all'Ucraina".

euronews
Sventola la bandiera dell'Ucraina.euronews

Aspirante legionario, Pierre, che si sposerà a maggio, non combatterà nella guerra in Ucraina.
Ma sarà puntale all'appuntamento con la battaglia umanitaria che si svolge ai confini del Paese.

Secondo il Ministero degli Affari Esteri ucraino, circa 20.000 persone da oltre 50 paesi del mondo hanno già fatto domanda per la Legione Internazionale in Ucraina.

Risorse addizionali per questo articolo • TRADUZIONE, DOPPIAGGIO, WEB: CRISTIANO TASSINARI