This content is not available in your region

Desolazione d'Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Paolo Alberto Valenti
euronews_icons_loading
Desolazione d'Ucraina
Diritti d'autore  AP/Zaporizhzhia nuclear power plant

La guerra in Ucraina ad alta intensità diventa sempre più  pericolosa a livello globale. La scorsa notte si è rischiato un incidente nucleare presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia che secondo gli ucraini  è stata colpita dall'artiglieria russa all'alba. I vigili del fuoco sono riusciti a spegnere le fiamme e non ci sono fughe radioattive, ma l'impianto è nelle mani di Mosca. "Le truppe russe hanno attaccato la centrale nucleare di Zaporizhzhia. La più grande d'Europa. Da sola è sei volte più grande della centrale di Chernobyl. I cannoni russi sapevano  contro cosa stavano sparando. Miravano direttamente all'impianto. Questo rappresenta un terrorismo senza precedenti". ha tuonato  il presidente ucraino Volodymyr Zelensky:

La solitudine di Mosca

Investita da una pioggia di condanne della comunità internazionale (il Consiglio di sicurezza dell'Onu si è riunito d'urgenza per studiare le conseguenze dell'attacco), Mosca nega le responsabilità e "accusa i sabotatori dell'Ucraina" come sostiene il portavoce del ministero della difesa russo.Igor Konashenkov: "Le postazioni dei sabotatori ucraini sono state annientate, erano state ricavate nel complesso dell'edificio della centrale che viene usato per l'addestramento, i sabotatori sono stati soppressi dal fuoco delle armi leggere delle pattuglie russe. Lasciando l'edificio, il gruppo di sabotaggio ucraino ha dato fuoco all'edificio che serviva per le esercitazioni". Ha spiegato Konashenkov.

L'importanza di Zaporizhzhia

La centrale di Zaporizhzhia, adesso presidiata dall'esercito russo, si trova nel Sud-Est dell'Ucraina, è la più grande d'Europa e una delle dieci centrali nucleari più grandi al mondo. Ha sei reattori, una potenza di circa 6 MegaWatt (MW) e occupa un'area di 104,7 ettari sulle rive del bacino idrico di Kakhovka, vicino alla centrale termoelettrica di Zaporozhe. Oltre alla centrale vera e propria che ospita le unità dei reattori, comprende una serie di edifici, compreso quello colpito il 4 marzo, dedicato all'addestramento del personale tecnico.

La situazione sul campo

Le truppe di Mosca sono entrate venerdì per la prima volta nella città portuale ucraina di Mykolayiv, sul Mar Nero, a metà strada tra Kherson e Odessa. Ieri a Kharkiv le autorità locali hanno contato più di 2.000 morti, fra i quali oltre 100 bambini. Circa 100 persone potrebbero trovarsi sotto le macerie delle case a Borodyanka, nella regione di Kiev.

L'attesa a Kiev

Nella piazza Maidan di Kiev, i cavalli di frisia tradiscono i timori dell'imminente assalto delle truppe russe. Intanto continuano i bombardamenti a Kharkiv, la seconda maggiore città del Paese, e anche a Okhtyrka, a nord-ovest di Kiev, dove i russi hanno distrutto una centrale elettrica. Le truppe ucraine resistono su più fronti. Ci sono sempre più morti e un quadro di desolazione che non si vedeva da decenni in Europa.