This content is not available in your region

Il dramma dei rifugiati a Leopoli in cerca di una via d'uscita dal Paese

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
Il dramma dei rifugiati a Leopoli in cerca di una via d'uscita dal Paese
Diritti d'autore  Bernat Armangue/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Anziani, donne, bambini, studenti e lavoratori, ucraini e stranieri, aspettano davanti alla stazione di Leopoli, 70 chilometri dal confine polacco, un treno che li porti fuori dall'Ucraina. Molti hanno aspettato, lasciando passare le raccomandazioni dei governi europei. Ma dopo sei giorni di combattimenti, è molto più difficile lasciare il paese.

Il teatro trasformato in rifugio

Il vecchio teatro di Leopoli è diventato un rifugio d'emergenza. In molti che si erano spostati nella città a ovest del Paese, pensando di rimanere al sicuro, trascorrono la notte in rifugi di fortuna. Fra loro c'è anche Daria, 29 anni, arrivata con i due figli: "È stata molto dura - dice - Non voglio lasciare l'Ucraina. Voglio restare nel mio paese".

La città finora non è stata attaccata. Così la macchina della solidarietà è ancora in piena funzione. Alesja è una volontaria. "I residenti portano cibo, vestiti, coperte, tutto ciò che serve per la notte", racconta.

I rifugiati si fermano una notte poi viene offerto loro un passaggio in Polonia o vengono destinati ad altra collocazione in città. Secondo l'Onu, circa 660.000 persone sono fuggite dall'Ucraina finora.

L'appello della Croce Rossa

Secondo la Croce Rossa servono almeno 270 milioni di euro per aiutare le persone colpite dalla guerra in Ucraina. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa e la Federazione della Croce Rossa hanno affermato in una nota congiunta che "si teme che milioni di persone affrontino difficoltà e sofferenze estreme senza un incremento dell'assistenza umanitaria". 

"Le vittime continuano ad aumentare e le strutture sanitarie non riescono a far fronte all'emergenza", ha detto il capo del Cicr, Robert Mardini. "Assistiamo a interruzioni a lungo termine nelle forniture di acqua ed elettricità. "Ci chiamano persone con un disperato bisogno di cibo e riparo".

L'ambasciatore ospita 87 sfollati

L'ambasciatore italiano in Ucraina ha aperto le porte della sua casa di Kiev a 87 italiani, compresi bambini e neonati. Il premier italiano Mario Draghi ha detto oggi al Parlamento che la maggior parte dei rifugiati dovrebbe partire oggi proprio in direzione Leopoli. A differenza di molti altri paesi occidentali, l'Italia ha mantenuto i servizi di ambasciata in funzione nella capitale, spostandoli nella residenza dell'ambasciatore.

Gli italiani in Ucraina sono circa 2.300, più della metà dei quali residenti nel paese.