EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Grecia, la protesta dei trattori contro il caro prezzi

Protesta in Grecia
Protesta in Grecia Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Grecia gli agricoltori manifestano contro il caro carburante e fertilizzanti. Picco anche nei prezzi del cibo

PUBBLICITÀ

Per settimane i trattori si sono disposti in fila lungo le strade della Grecia: un presidio organizzato dagli agricoltori, travolti dalla crisi energetica che sta spingendo verso l'alto il prezzo di carburante e fertilizzanti.

Il caro energia si traduce in un conseguente aumento dei prezzi del cibo, alla luce del fatto che agricoltori e supermercati sono costretti a trasferiti i costi sui prodotti che arrivano sugli scaffali. Nel giro di un anno, l'incremento dei prezzi è stato enorme. Gli addetti ai lavori temono che la curva sia ancora in fase ascendente.

Fertilizzanti, prezzo alle stelle

Dimitris Kakalis è al lavoro nel suo campo a Tyrnavos. L'agricoltore racconta che tutto è diventato estremamente difficile: "L'anno scorso i fertilizzanti costavano 500 euro a tonnellata. Quest'anno, comprare fertilizzanti costa quanto un decimo di ettaro di terra, circa 1.700-1.800 euro a tonnellata - dice - Ci sono stati gli aumenti dei fertilizzanti perché i prezzi del gas naturale e del petrolio sono saliti. Con il diesel a 1 euro e 60 euro centesimi è molto difficile. Abbiamo molte spese e abbiamo bisogno di carburante ogni giorno".

Nell'ultimo mese, il tasso di crescita dei prezzi al consumo su base annua è stato del 5,1% nella Unione europea. Il peso del cibo nei bilanci familiari più risicati è molto elevato, circa il 60% dei redditi.

Il caro vita affossa le fasce dei meno abbienti

"L'enorme aumento dei prezzi dell'energia e del cibo in tutta l'Unione europea sta colpendo soprattutto le persone più povere - spiega Zsolt Darvas, senior fellow del think-tank Bruegel, che ha sede a Bruxelles - Quindi penso che i meno abbienti si preoccupino a ragione e, purtroppo, non possiamo escludere che i prezzi di cibo e energia restino permanentemente più alti. Questo significa che non è solo uno shock per questo anno, ma anche per gli anni a venire".

Le conseguenze legate alle condizioni meteorologiche estreme, le interruzioni del lavoro e delle catene di approvvigionamento a causa della pandemia, e l'impatto della crisi Ucraina-Russia sui prezzi dell'energia sono alla base delle criticità, vissute soprattutto dal target più basso dei consumatori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, agricoltori bloccano un'autostrada con i trattori

Centinaia di migranti dispesi in mare al largo della Grecia

Georgia: la presidente Zourabichvili pone il veto alla 'legge russa'