This content is not available in your region

Israele, nel deserto del Negev sta nascendo la capitale della cannabis medica

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  Afp
euronews_icons_loading
Israele, nel deserto del Negev sta nascendo la capitale della cannabis medica
Diritti d'autore  Tsafrir Abayov/Copyright 2021The Associated Press All rights reserved

Nel deserto israeliano del Negev, lontano dai grattacieli di Tel Aviv, la città di Yeruham spera di coltivare una reputazione internazionale come potenza tecnologica nella cannabis medica.

Decine di start-up sono già attive in questo campo in Israele, dove la nuova legislazione dovrebbe portare ad un'ulteriore crescita del mercato in un settore in rapida espansione.

Alcuni credono che la cannabis potrebbe aiutare Yeruham ad affrontare gli alti tassi di disoccupazione tra i suoi 12.000 residenti, con gli sforzi iniziali guidati da una società chiamata CanNegev. L'azienda è conosciuta come un incubatore, che aiuta a promuovere la crescita di imprese nascenti. CanNegev ospita quattro start-up ed è la prima, nel suo genere, legata alle tecnologie relative alla cannabis medica in Israele.

"Abbiamo deciso di fare della cannabis medica il cuore della nostra attività, qui a Yeruham, una delle città più periferiche di Israele, una città dimenticata", ha detto il fondatore di CanNegev, Zvi Bet Or, che afferma di aver trovato un alleato prezioso in** Tal Ohana**, eletta nel 2018 come primo sindaco donna di Yeruham.

MENAHEM KAHANA/AFP or licensors
Dvir Taler, il direttore dell'agricoltura della società israeliana BOL Pharma, che produce prodotti a base di cannabis medica, posa presso la serra vicino a Moshav Yad BinyamiMENAHEM KAHANA/AFP or licensors

"Il mio sogno è di rendere Yeruham la capitale della cannabis medica in Israele", ha detto Ohana all'AFP.

"Non capita tutti i giorni che nasca un nuovo mercato nel paese" ha aggiunto la sindaca 37enne. "Mi sono detta che dovevamo fare di tutto per essere all'avanguardia nella scienza e nella tecnologia in questo campo".

La sede di CanNegev, in un edifico moderno che si erge di fronte alle sabbie del deserto, si staglia quasi come un miraggio, un simbolo del futuro sperato per la città, i cui blocchi stuccati di case popolari furono costruiti negli anni '50 per gli immigrati appena arrivati.

 Yeruham oggi fa parte di un'area economica prioritaria che offre concessioni alle imprese che vogliono stabilirvisi.

Ohana ha detto che il settore tecnologico della cannabis potrebbe trasformare l'immagine della sua città e contribuire ad abbassare la sua disoccupazione persistentemente più alta della media, che è intorno all'otto per cento.

"Il mio obiettivo è quello di creare posti di lavoro di qualità" e di offrire redditi elevati per attirare una nuova popolazione di lavoratori, ha detto.

Primo importatore mondiale

L'uso ricreativo della cannabis è illegale anche se tollerato in Israele. Tuttavia, le autorità hanno incoraggiato il suo uso terapeutico negli ultimi dieci anni per trattare gravi condizioni mediche e lo stress post-traumatico negli ex soldati.

In ottobre, il parlamento israeliano ha avanzato una proposta di legge che mira a rendere la cannabis medica maggiormente disponibile.

Questa legge espanderebbe un mercato che ha già attirato decine di imprenditori tra cui due ex premier: Ehud Olmert è consigliere commerciale di UNIVO Pharmaceuticals, e Ehud Barak presiede il consiglio di amministrazione di InterCure.

Circa 100 start-up stanno lavorando sulla cannabis, secondo Dana Gourevich, Chief Technology Officer dell'Israel Innovation Authority, aggiungendo che un quarto di queste aziende è stato fondato in un solo anno, il 2019.

"L'ecosistema della cannabis medica ha ricevuto 60 milioni di dollari di investimenti negli ultimi anni" illustra Gourevich.

 Un fattore chiave nello sviluppo dell'industria israeliana della cannabis sono state le importazioni da oltreoceano, specialmente dal Canada, dove l'uso ricreativo è legale.

Secondo i dati del ministero della salute, Israele ha importato 22 tonnellate di cannabis medica nel 2021 rispetto a poco più di 14 tonnellate l'anno precedente, diventando così il più grande importatore mondiale, secondo i dati di Israeli Cannabis Magazine.

Al contrario, l'esportazione di cannabis è legale in teoria, ma deve affrontare ostacoli significativi per conformarsi alle norme internazionali, ha detto Gourevich.

CBD per tutti

Il ministero della salute ha recentemente indicato che stava esaminando la possibilità di rimuovere il cannabidiolo (CBD) dalla lista delle droghe pericolose. La misura potrebbe aprire un nuovo mercato per le aziende per commercializzare in scala prodotti a base di CBD.

Nel sud di Israele, vicino alla città di Ashdod, BOL Pharma coltiva 400.000 piante di cannabis ogni anno su 3,5 ettari (8,6 acri), esclusivamente per uso terapeutico.

MENAHEM KAHANA/AFP or licensors
Un lavoratore controlla le piante in una serra dell'azienda israeliana su BOL Pharma, che produce prodotti a base di cannabis medica, vicino a Moshav Yad BinyaminMENAHEM KAHANA/AFP or licensors

"Circa 110.000 pazienti hanno licenze per la cannabis medica oggi in Israele, ma quando il CBD diventerà disponibile per tutti, milioni di persone, famiglie, saranno in grado di usarlo in cosmetici e prodotti di uso quotidiano" prevede Dvir Taler, 50 anni, direttore dell'agricoltura alla BOL Pharma.

L'azienda, attualmente la più grande nel campo della cannabis medica in Israele, ha collaborato con CanNegev e gli fornisce fiori di cannabis per esperimenti scientifici.

Taler ha detto che l'incubatore sta sviluppando un robot capace di raccogliere autonomamente i fiori.

Nella sua spinta a diventare il centro israeliano per l'"oro verde", il comune di Yeruham ha anche stanziato 50 ettari per la coltivazione di cannabis medica, sostenendo che il clima desertico è ideale a questo scopo.