La Polonia alza la recinzione anti migranti al confine con la Bielorussia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La Polonia alza la recinzione anti migranti al confine con la Bielorussia
Diritti d'autore  Pavel Golovkin/AP

La cerniera a est dell'Europa si chiude.
La Polonia ha avviato la costruzione di una nuova recinzione alla frontiera con la Bielorussia: una barriera lunga 186 km, pari a quasi metà della lunghezza totale del confine, alta cinque metri e mezzo ed equipaggiata con telecamere e rilevatori di movimento. 

Il muro anti migranti

Secondo le intenzioni di Varsavia, la recinzione servirà ad ostacolare l'ingresso di migranti irregolari, dopo la crisi dello scorso anno e le accuse rivolte a Minsk di aver alimentato i flussi migratori per far pressione sull'Europa. 

Adesso, la presenza di migranti al confine è diminuita. Di recente, almeno 12 persone sono morte di freddo o di fame nelle foreste.

Krystyna Jakimik-Jarosz, guardia di frontiera polacca, parla di numeri ridotti rispetto all'emergenza vissuta nei mesi precedenti: "Attualmente, sono gruppi più piccoli, da pochi individui a circa 30 persone, che cercano di attraversare illegalmente il confine polacco-bielorusso. Lo scorso ottobre c'erano diverse centinaia di persone".

La realizzazione della barriera era stata annunciata a novembre, nel pieno delle tensioni con il regime di Lukashenko. 

I lavori, che costeranno oltre 350 milioni di euro, dovrebbero essere completati entro la metà di quest'anno.