This content is not available in your region

Una lettera al World Economic Forum: chi sono i milionari "generosi" che vogliono pagare più tasse

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
euronews_icons_loading
"Vogliamo pagare più tasse!"
"Vogliamo pagare più tasse!"   -   Diritti d'autore  Grafica Euronews

"In Tax we trust".

Un gruppo di oltre 100 persone tra le più ricche del mondo, i "Patriotic Millionaires", hanno chiesto ai governi di...far pagare loro più tasse, per contribuire alla ripresa economica globale dalla pandemia.

"Come milionari, sappiamo che l'attuale sistema fiscale non è giusto", hanno scritto in una lettera aperta al World Economic Forum di Davos, dove poco prima l'ONG Oxfam aveva dichiarato che i dieci uomini più ricchi del mondo hanno più che raddoppiato le loro fortune durante la pandemia.

"Il mondo, ogni paese del mondo, sta chiedendo ai ricchi di contribuire in maniera maggiore, in base alle loro capacità. E noi possiamo farlo", continua la lettera dei milionari - dove non spiccano nomi particolarmente famosi -, provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Canada, Danimarca, Norvegia, Austria, Paesi Bassi e Iran.

La rappresentante europea di "Patriotic Millionaires", l'imprenditrice britannica Gemma McGough, ha affermato: "La ricchezza continua a concentrarsi nelle mani di pochi e questo porta a problemi sociali più profondi. Noi siamo pronti a fare la nostra parte".

Una tassa sulla ricchezza?

Una tassa annuale sulla ricchezza applicata ai più ricchi del mondo raccoglierebbe 2,52 trilioni di dollari all'anno, secondo un'analisi di Fight Inequality Alliance, Institute for Policy Studies, Oxfam e Patriotic Millionaires.

La ricerca ha stimato che i fondi sarebbero sufficienti per vaccinare tutto il mondo e fornire assistenza sanitaria universale e protezione sociale per tutti i 3,6 miliardi di cittadini dei paesi a basso e medio reddito.