EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Kazakistan: guerriglia per l'aumento del gas. Una decina i morti. Centinaia gli arresti

Proteste contro il caro-gas in Kazakistan.
Proteste contro il caro-gas in Kazakistan. Diritti d'autore Screengrab
Diritti d'autore Screengrab
Di Euronews Russia
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo tre giorni di manifestazioni di piazza, sfociate anche in scontri con la polizia, le autorità delle regione del Mangghystau, nell'ovest del Kazakistan, hanno deciso di abbassare i prezzi del gas naturale liquefatto, che erano più che raddoppiati dall'inizio del 2022

PUBBLICITÀ

Continuano le proteste nella regione petrolifera del Mangghystau, affacciata sul Mar Caspio, nell'ovest del Kazakistan, per l'aumento del prezzo del gas e dei carburanti, praticamente raddoppiati (e anche di più) dal 1° gennaio. E' guerriglia per le strade, si parla di una decina di morti e centinaia di feriti. Almeno 317 contusi. Oltre 200 le persone arrestate,

In due città, Jañaözen e il capoluogo Aktau, da domenica ci sono state numerose manifestazioni di massa, spesso sfociate in scontri con la polizia.

Su Twitter, il presidente kazako Kassim-Jomart Tokayev ha scritto:
"Chiedo ai manifestanti di non seguire gli appelli di persone distruttive, interessate a minare la stabilità e l'unità della nostra società".

Grafica Euronews
Il tweet del presidente kazako.Grafica Euronews

Dopo la riunione di governo di questo martedi nella capitale Nur-Sultan, le autorità kazake hanno annunciato una significativa riduzione del prezzo del gas di petrolio liquefatto (il GPL), nella regione di Mangghystau.

La commissione governativa, arrivata martedì nella regione, è andata a incontrare i manifestanti.

Alla fine delle trattative, le autorità hanno ha annunciato una temporanea riduzione del prezzo del GPL a 50 tenge (0,11 dollari) al litro, come parte della responsabilità sociale della compagnia petrolifera e del gas Kazmunaigas.
Nei giorni scorsi il prezzo era salito alle stelle, fino a 120 tenge (0,28 dollari) al litro.

Il motivo degli aumenti? L'incremento dei costi di estrazione e di trasporto.

Benché i prezzi ora siano stati abbassati, almeno momentaneamente, le proteste, anche nella capitale Nur-Sultan e ad Almaty, la città più grande, non si fermano.

La protesta rischia di allargarsi a tutto il Kazakistan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Soldati russi in Kazakistan. "Putin ne approfitta, è un'occupazione"

Elezioni nelle repubbliche ex sovietiche di Kirghizistan e Kazakistan

Un fulmine scatena incendi boschivi nel nord-est del Kazakhstan: 14 vittime