This content is not available in your region

La truffa dei falsi green pass in Italia e Francia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
I falsi green pass
I falsi green pass   -   Diritti d'autore  Guardia di Finanza - Roma

Vendevano falsi green pass a un prezzo compreso tra i 100 e i 500 euro, in alcuni casi da versare a mezzo di criptovalute.
I certificati, messi in vendita su un'app di messaggistica, erano anche dotati di QR Code idoneo a superare i controlli.

A scoprire la truffa è stata la Guardia di Finanza che ha oscurato i 17 canali attraverso i quali i fake pass - sia nel formato digitale che in quello cartaceo, come pure nella modalità Super Green Pass - venivano venduti.

Secondo gli investigatori, almeno 140.000 utenti si sono collegati ai canali al fine di ottenere informazioni o le false certificazioni, che venivano anche offerte con sconti in caso di acquisto di più attestati e "pacchetti famiglia".

Com'è noto, la certificazione verde per il Covid-19 viene emessa solamente dalla Piattaforma nazionale del ministero della Salute e non può essere oggetto di vendita o acquisizione in rete.

I casi di falsificazione sono aumentati negli ultimi mesi nell'Unione europea.

In Francia è stato scoperta e smantellata una rete di vendita di falsi pass sanitari, che aveva già fruttato quasi due milioni di euro ai suoi organizzatori.

Lunedì, il primo ministro francese ha annunciato un rafforzamento delle sanzioni penali per combattere i truffatori. Più di 182.000 acquirenti sono già stati individuati.

In caso di uso o possesso di un pass falso, la multa potrebbe aumentare da 135 euro a 1000 euro. Gli hacker rischiano fino a cinque anni di prigione e una multa fino a 150.000 euro.