This content is not available in your region

Nostalgici a Mosca per ricordare il compleanno di Iosif Stalin

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Nostalgici a Mosca per ricordare il compleanno di Iosif Stalin
Diritti d'autore  DIMITAR DILKOFF/AFP

La nostalgia è il balsamo per il cuore dei giusti. Nostalgici sono sicuramente i russi che sfidando il freddo glaciale hanno ricordato Iosif Stalin nel giorno del suo compleanno.

E i commenti che seguono l'onda di stavamo meglio quando stavamo peggio si levano all'unisono sopra il cielo di Mosca, così Nadezhda Fedyanova, oggi pensionata ricorda: "Abbiamo vissuto nell'Unione Sovietica e possiamo dire che quei tempi erano migliori di questi: istruzione per tutti, vacanze e gite gratuite e il rispetto per Stalin era totale".

Maxime è uno storico e non può sorvolare sul fatto che "sotto la guida di Stalin questo paese ebbe grandi vittorie, di cui dovremmo sempre andar fieri".

Eppoi Irina che sottolinea: "La situazione attuale ha portato molte persone a dire "Abbiamo bisogno di un altro Stalin e speriamo che questo arrivi quanto prima".

Nato in Georgia il 18 dicembre del 1878, Iosif Stalin cambiò quasi per vezzo la data del suo compleanno posticipandolo al 21 dicembre del 1881. Morì nel 1953.

Tre anni dopo, Nikita Kruscev denunciò il culto della persona alimentato da Stalin che come lo stesso Kruscev disse andò aumentando portando a una serie di gravissime deviazioni dai principi comunisti, da quelli di democrazia del partito della legalità rivoluzionaria.