This content is not available in your region

Tam Tam Basket, la squadra di stranieri che si sentono italiani

Access to the comments Commenti
Di Luca Palamara
euronews_icons_loading
I ragazzi del Tam Tam Basket
I ragazzi del Tam Tam Basket   -   Diritti d'autore  Euronews

Italiani ma non troppo: è questa la condizione in cui vivono dei giovani giocatori di pallacanestro di Castel Volturno, la più grande comunità africana d’Europa.

In Italia, una legge stabilisce che i minori di 18 anni nati da genitori stranieri non possono avere la cittadinanza italiana fino alla maggiore età, anche se sono nati in Italia e sono pienamente inseriti nel percorso scolastico.

La Federazione Italiana di Pallacanestro stabilisce una quota massima di due stranieri per squadra nelle competizioni nazionali e la squadra juniores del Tam Tam Basket, dove tutti i giocatori sono di origine africana, non poteva giocare, pur essendo i campioni regionali uscenti.

“Quando giocano loro non vivono il dramma, il problema", racconta ai nostri microfoni il presidente della squadra, Massimo Antonelli. "Ma quando non giocano e devono sapere che non possono giocare quel campionato, allora sì. Se uno li vede giocare, hanno sempre il sorriso sulla bocca, perché loro amano questa cosa qui. Proprio perché la amano, devono secondo me poter giocare senza nessuna barriera.”

Sono nati in questo paese, sono cresciuti qui, vanno a scuola qui, l’italiano è la loro prima lingua e amano giocare a pallacanestro ma, credeteci o meno, non era loro concesso giocare partite di campionato nazionale perché non sono ancora considerati italiani. Oggi hanno una notizia per voi: loro sono italiani.

“Mi chiamo Praise, sono nato a Castel Volturno, ho 16 anni e frequento il quarto anno di turistico", dice Praise Aifuwa. "Io mi considero italiano e nigeriano, cioè mi considero tutti e due, perché alla fine sono nato qua, però ho origini nigeriane. Mi sentivo un po’ frustrato perché secondo me è ingiusto visto che siamo nati qui non possiamo giocare il campionato di eccellenza, quindi sarebbe un po’ ingiusto, però grazie a Dio ora ci fanno giocare, quindi sono più contento.”

A seguito di proteste e petizioni sui social media e di un interesse mostrato anche ai più alti livelli della politica, la Federazione ha concesso una deroga al Tam Tam Basket per giocare a livello nazionale nella categoria Under 17.

“Siamo stati tutti quanti tristi per diversi giorni. Poi, abbiamo saputo di questa bellissima notizia che finalmente possiamo far parte di questo campionato nazionale, per far vedere chi è Tam Tam", dichiara Karim Moustapha.

I giocatori del Tam Tam Basket hanno ottenuto una deroga, ma la battaglia non è finita. Un milione di italiani di origine straniera sotto i 18 anni aspettano ancora di vedere i loro diritti di italiani a tutti gli effetti riconosciuti sia nello sport che nella società.