This content is not available in your region

Georgia, ancora proteste a sostegno dell'ex presidente Saakashvili: 46 arresti

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Georgia, ancora proteste a sostegno dell'ex presidente Saakashvili: 46 arresti
Diritti d'autore  AP Photo

In Georgia la polizia ha arrestato 46 manifestanti in occasione delle proteste, promosse dall'opposizione, a sostegno di Mikheil Saakashvili.
Il 1 ottobre scorso, l'ex presidente georgiano era stato arrestato per abuso di potere. ''Un arresto politico'', denuncia l'opposizione mentre Saakashvili - Capo dello Stato tra il 2004 e il 2013 - entra nel 41esimo giorno di sciopero della fame.

La salute dell'ex presidente georgiano

Nei giorni scorsi, Saakashvili è stato trasferito dall’istituto penitenziario di Rustavi all'ospedale militare di Gori. Lunedì mattina, i medici che l'hanno esaminato hanno detto che era "ad alto rischio di complicazioni multi-sistemiche e che ha bisogno di essere trattato urgentemente in una clinica meglio attrezzata".
Il difensore civico della Georgia, Nino Lomjaria, ha anche dichiarato che l'ospedale della prigione non ha soddisfatto i criteri dei medici.

Le proteste a sostegno di Saakashvili

Ana Tsitlidze, esponente dell'opposizione georgiana del Movimento Nazionale Unito, non esclude azioni di protesta ad oltranza: "Ogni giorno si terranno azioni di protesta in vari luoghi, ovunque potremo, creeremo problemi e disagi per il governo - dice - devono sapere che fino a quando le nostre richieste non saranno soddisfatte, e fino a quando Saakashvili non sarà trasferito in una clinica privata dove sia possibile curarlo, saremo ovunque, davanti a ogni edificio amministrativo."

L’ex presidente georgiano era stato arrestato al suo ritorno in patria, dopo otto anni di esilio in Ucraina. Un rientro motivato dalla necessità di supportare le forze dell'opposizione, in particolare il Movimento Nazionale Unito, alle elezioni amministrative in Georgia, poi vinte dall'attuale maggioranza.

La sua incarcerazione ha esacerbato una crisi politica, scoppiata l'anno scorso dopo che l'opposizione ha denunciato la frode nelle elezioni parlamentari vinte di stretta misura dal partito al potere Sogno georgiano.